Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tornano i Riti della Settimana Santa: il commissario firma l'ordinanza anti covid

Tornano i Riti della Settimana Santa: il commissario firma l'ordinanza anti covid
di Nicola SAMMALI
3 Minuti di Lettura
Sabato 9 Aprile 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 13:48

La lunga attesa sta per finire, dopo due anni di pandemia Taranto sta per vivere la Settimana Santa immersa nei riti che la rendono così speciale. Mancano pochi giorni all’uscita delle processioni che la terranno sveglia ben oltre l’alba, sia il giovedì sia il venerdì Santo, mescolando fede e tradizione. 

L'ordinanza

Ma l’emergenza sanitaria non è passata e serve attenzione, oltre che rispetto e decoro dei luoghi. Il commissario prefettizio Vincenzo Cardellicchio ha quindi emanato ieri un’ordinanza che impone il divieto di consumo di bevande di qualunque genere in contenitori di vetro (e/o alluminio) all’esterno dei pubblici esercizi e dei distributori automatici, nonché sulle vie e nelle aree pubbliche dal 14 al 16 aprile (fino alle ore 12). Il divieto varrà per tutta la durata dei pellegrinaggi nelle vie del Borgo, della Città vecchia e della borgata di Talsano, dove ci sarà un notevole afflusso di persone. Previste anche sanzioni per i trasgressori, che vanno da 25 a 500 euro. 

Gallipoli: torna la processione della Madonna dell'Addolorata


L’ordinanza invita inoltre i cittadini al corretto uso delle mascherine, sia negli spazi chiusi sia nelle situazioni in cui non è possibile assicurare l’opportuno distanziamento, nonostante la fine dello stato di emergenza. Le ragioni dell’ordinanza, che nasce dopo la riunione dello scorso 4 aprile con il Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza, sono determinate dalla necessità di provvedere all’adozione di adeguate misure preventive a tutela dell’incolumità e della sicurezza pubblica. Una misura che dovrebbe servire ad arginare quel fenomeno dettato dai cattivi comportamenti, come l’abbandono di bottiglie (spesso di vetro, che rompendosi possono diventare pericolose) per strada. Saranno migliaia le persone che nei giorni clou della Settimana Santa riempiranno le strade della città lungo il tragitto delle processioni, in prossimità delle chiese. L’interruzione dei riti per due anni farà crescere il desiderio di partecipazione, e per questo il Comune di Taranto sta curando ogni aspetto organizzativo. La sicurezza e il decoro sono due voci determinanti del piano per la Settimana Santa 2022. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA