Maruggio, scuole all'aperto: lezioni nelle Aule verdi

Giovedì 10 Marzo 2022 di Lucia J.IAIA

Lezioni all'aperto. Le strutture sono già pronte e rappresentano una novità per gli studenti di Maruggio. Un'idea semplice ma, allo stesso tempo, utile ed innovativa. Con l'aumento delle temperature e l'arrivo della primavera, i ragazzi potranno svolgere comodamente le attività didattiche all'esterno, grazie ad un progetto ideato dall'Amministrazione comunale guidata dal sindaco Alfredo Longo con il supporto del consigliere comunale Mariangela Chiego. L'iniziativa, che rientra tra le misure messe in campo per contenere il diffondersi del virus a scuola, mira appunto a garantire maggiore sicurezza tra gli alunni attraverso la costruzioni delle cosiddette aule verdi.

L'orto sociale arriva a scuola: otto progetti per Bari. Partono le elementari della Carrante

Le aule verdi


Si tratta, nello specifico, di quattro spazi, per complessivi 160 metri quadrati a disposizione, realizzati con delle strutture in legno lamellare con copertura ombreggiante e allestite con arredi scolastici in legno da esterno. L'iniziativa ha già registrato l'entusiasmo degli studenti che, secondo quanto si apprende dagli ambienti scolastici, non vedono l'ora di poter studiare all'aperto e respirare aria pulita, magari senza dover indossare le mascherine e con il sole sui loro banchi. E chissà che questa idea non faccia da apripista anche in altre scuole.
«Abbiamo pensato a questo progetto - spiega Alfredo Longo - per tutelare ancora di più i nostri studenti, grandi e piccini, che in questi anni hanno subito conseguenze significative tra chiusure, didattica a distanza e restrizioni varie. Purtroppo, il virus non è scomparso definitivamente, ci toccherà convivere con il Covid ancora per un po' di tempo. Attraverso le aule verdi cercheremo di alleggerire le giornate scolastiche e far trascorrere qualche lezione all'aperto ai nostri bambini senza dover utilizzare la mascherina e con il giusto distanziamento. Il contagio all'aperto, soprattutto nella fase in cui ci troviamo oggi e con le giuste cautele, è quasi impossibile».

Scuola post-Covid: in Puglia migliaia di posti in bilico. La Uil: «Si rischia lo stop»


L'idea, condivisa con il dirigente scolastico dell'istituto comprensivo "Del Bene", Maria Maddalena Di Maglie, vedrà la luce già nelle prossime settimane attraverso un programma di turnazione delle classi di scuola elementare e media. Dunque, tutti gli studenti potranno vivere questa esperienza, tenendo ovviamente conto delle condizioni climatiche e degli spazi a disposizione. Non è escluso tra l'altro che, nel tempo e qualora l'iniziativa dovesse prendere piede, ampliare le aule verdi con ulteriori banchi e sedie per i ragazzi. «La nascita di questo spazio esterno attrezzato per la didattica rappresenta una misura importante di contenimento dell'epidemia - precisa Mariangela Chiego - oltreché un'azione tesa ad assicurare il benessere dei nostri studenti che, finalmente, potranno svolgere le lezioni con più serenità e tranquillità».


Proprio sul futuro del progetto si sofferma il consigliere comunale Chiego che ha fortemente creduto in questa forma green di apprendimento. «Questo - prosegue - è un progetto lungimirante, di larga veduta, che si prospetta utile e funzionale anche quando saremo definitivamente fuori dalla pandemia. La sicurezza dei nostri giovani, e in particolare dei nostri studenti, rappresenta una priorità dell'attività amministrativa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 17:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA