Trasporti, bus scolastici pieni al 75%: verso l'accordo fra Governo e Regioni

Sabato 29 Agosto 2020 di Paola COLACI

Scuolabus, pullman e treni locali e regionali riempiti al 75% della capienza. La svolta anti-caos sul fronte del trasporto pubblico potrebbe arrivare già nelle prossime ore. Con buona probabilità nella giornata di lunedì in sede di Conferenza Unificata Stato-Regioni. Una urgenza, quella rimarcato con forza dai governatori delle regioni italiane e dalle aziende di trasporto pubblico, che potrebbe scongiurare i disagi di settembre.

Contagi in classe, ecco le regole. Ancora nessuna intesa su trasporti e mascherine
Trasporti, è ancora caos: «Col distanziamento a terra 325mila studenti»

Con la riapertura delle scuole e i mezzi di trasporto a capienza dimezzata del 50-60% per garantire il distanziamento, il rischio concreto è che il 30% degli 8.5 milioni di studenti italiani e 740mila alunni pugliesi resti a terra. Lo ha anticipato l'Asstra e lo hanno certificato I govrenatori. Da qui, dunque il pressing sul Comitato tecnico scientifico che sembrerebbe aver pronta  la modifica delle sue linee guida.

Apertura confermata nelle scorse ore anche dal ministro dei Trasporti Paola De Micheli in una intervista a La Stampa. Anche se la titolare del Mit ha ipotizzato un indice di capienza pari all'80%. Le prossime ore, in ogni caso, saranno decisive per la trattativa e per scongiurare il "settembre nero" dei trasporti in Puglia e nel resto d'Italia.

Ultimo aggiornamento: 13:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA