Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Inchiesta appalti truccati per l'elisoccorso, chiesti 9 rinvii a giudizio: c'è anche Vitangelo Dattoli

Inchiesta appalti truccati per l'elisoccorso, chiesti 9 rinvii a giudizio: c'è anche Vitangelo Dattoli
2 Minuti di Lettura
Martedì 20 Settembre 2022, 14:37 - Ultimo aggiornamento: 20:08

Il pubblico ministero di Foggia Anna Landi ha chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone coinvolte nell'inchiesta sulle gare bandite da Asl Foggia e Policlinico Riuniti per l'affidamento del servizio quadriennale di elisoccorso da 36 milioni di euro e il servizio quadriennale di trasporto di organi da 2 milioni e 600 mila euro.

Al centro dell'inchiesta l'Alidaunia, società di trasporto aereo operativa sul territorio dagli anni 70, che vinse la prima gara, poi revocata in seguito all'inchiesta, e perse la seconda. La procura, che chiese e ottenne gli arresti domiciliari per sei indagati in una operazione del 13 dicembre del 2021, contesta a vario titolo, a nove persone i reati di turbativa d'asta, falsità ideologica e rivelazione dei segreti di ufficio.

Gli imputati

Gli imputati sono Vitangelo Dattoli, ex direttore generale del Policlinico, Roberto e Roberta Valentina Pucillo padre e figlia, rispettivamente amministratore unico e procuratore dell'Alidaunia; Antonio Apicella cognato di Pucillo; Rita Acquaviva, funzionario Asl Foggia; Costantino Quartucci, Salvatore D'Agostino e Attilio Lucio Dal Maso funzionari ospedalieri e Luigi Treggiari. L'udienza preliminare sarà celebrata il 13 ottobre prossimo davanti al Gup Antonio Sicuranza. L'accusa ipotizza che sia stata «creata una corsia parallela e riservata per rendere l'Alidaunia predestinata ad aggiudicarsi le gare all'insaputa dei concorrenti». Gli imputati si dichiarano innocenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA