Incendio al negozio: quattro a processo per truffa all'assicurazione

La Procura di Bari
La Procura di Bari
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 13 Aprile 2022, 19:16 - Ultimo aggiornamento: 14 Aprile, 08:32

Incendio il negozio per incassare i soldi dell'assicurazione. Quattro le condanne nel barese per l'incendio al caseificio "La Bufalina" avvenuto lo scorso mese di agosto.

Copertino, attentato incendiario tra i botti di Capodanno: a fuoco un negozio, indagano i carabinieri

La pronuncia della Procura

Avrebbero appiccato dolosamente il fuoco al caseificio che gestivano a Bitonto, nel Barese, per incassare i soldi dell'assicurazione e così truffare le tre compagnie assicurative con le quali avevano stipulato contratti che coprivano anche il rischio d'incendio. Per i reati, a vario titolo contestati, di concorso in incendio doloso e frode assicurativa, la Procura di Bari ha chiesto e ottenuto il giudizio immediato per quattro persone: i due gestori dell'attività commerciale, Anna Sagliano di 32 anni e il compagno 31enne Cristian Palmieri, che avrebbero deciso di simulare il danneggiamento causato dal rogo del loro negozio «La Bufalina», per incassare il premio assicurativo, l'esecutore materiale, il 46enne Vitaliano Fanelli, dipendente dell'attività, aiutato nell'azione criminale dal 44enne Maurizio Gorgoglione, i quali avrebbero cosparso di liquido infiammabile l'interno del locale dandogli fuoco e provocando una esplosione, per poi fuggire a bordo di un'auto.

Fiamme all'interno di un minimarket: paura in centro

La vicenda risale al 17 agosto 2021. I quattro sono stati arrestati il 18 febbraio scorso. Fanelli è tuttora detenuto agli arresti domiciliari, mentre Gorgoglione è sottoposto alla misura cautelare dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Alla identificazione dei presunti autori del rogo e alla ricostruzione della ipotetica frode, i poliziotti, coordinati dal pm Gaetano De Bari, sono arrivati attraverso l'analisi comparata del traffico telefonico degli indagati e le immagini di sistemi di video-sorveglianza presenti in zona. Il processo inizierà il 7 giugno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA