Spiaggiate 15 tartarughe in pochi giorni, l'allarme: «In mare altri esemplari in difficoltà, andiamo a salvarl»

Mercoledì 8 Gennaio 2020 di Maria DE GIOVANNI
Sos tartarughe: l'allarme arriva dal museo di Calimera, in provincia di Lecce, in prima linea nel salvataggio di alcuni esemplari spiaggiati negli ultimi giorni, in seguito alle mareggiate che hanno imperversato sul litorale adriatico. Il messaggio di aiuto arriva dal Web, dal gruppo Sos Fauna Calimera, con la speranza che possa essere utile a chiunque voglia partecipare per salvare le tartarughe.

La Guardia Costiera salva due Caretta Caretta: impigliate nella plastica
La baia come una tomba: si spiaggia a Torre dell'Orso una tartaruga marina
Distrutto dalle mareggiate il nido delle tartarughe

«Nelle ultime 48 ore - si legge nel post - abbiamo ricoverato quindici tartarughe marine, di cui undici hatcling, tartarughe marine di circa un anno di vita, spiaggiate a causa delle mareggiate di questi giorni. Tutte ritrovate sulla costa adriatica. Il numero così elevato ci porta a pensare che potrebbero essercene tante altre nella stessa situazione. Cerchiamo volontari che ci aiutino a perlustrare la costa adriatica alla ricerca di tartarughe da salvare. Per informazioni e adesioni potete contattare Francesca al 3203084146 o Simona al 3206586561. Per ritrovamenti contattare il responsabile del Centro recupero tartarughe marine al 3206586551, Piero Carlino. Grazie a chi darà una mano o, anche solo, potrà condividere il nostro appello».

Tutte le tartarughe tratte in salvo, spiaggiate da nord a sud su tutto il litorale Adriatico, erano gravemente ferite e avevano delle escoriazioni dovute all'ingestione di materiale plastico. © RIPRODUZIONE RISERVATA