Pedone investito da auto, muore dopo due giorni in ospedale

Stando alle ricostruzioni l’uomo si trovava sulle strisce pedonali quando è stato travolto

Pedone investito da auto, muore dopo due giorni in ospedale
4 Minuti di Lettura
Domenica 8 Maggio 2022, 20:09 - Ultimo aggiornamento: 9 Maggio, 08:36

Non ce l’ha fatta l’82enne Mario Le Pera, morto sabato sera, l’anziano investito nel tardo pomeriggio di giovedì scorso in via Madonna della Catena all’altezza con l’intersezione con via Domenico Scodalupi a Locorotondo. L’uomo è deceduto all’ospedale di Martina Franca dove era stato ricoverato in gravi condizioni subito dopo l’accaduto. L’anziano era stato investito da una Fiat Punto nera con alla guida un giovane automobilista di Martina Franca. L’impatto era stato tremendo con l’82enne che era stato sbalzato per diversi metri. Stando alle ricostruzioni l’uomo si trovava sulle strisce pedonali quando è stato travolto. 

Ciclista investito da un suv sulla Lecce-Gallipoli: muore a 43 anni


La violenza dell’urto è confermata dai danni riportati dall’auto nella parte anteriore con tanti di parabrezza rotto. Le Pera aveva riportato gravi ferite e perso molto sangue ma subito dopo l’incidente era anche rimasto cosciente. Il primo a soccorrere l’anziano era stato un ispettore ambientale nonché soccorritore del 118 che si trovava a passare lì per caso. Poi sul luogo del sinistro erano sopraggiunti i sanitari del 118 con un’ambulanza che avevano continuato a fornire le cure al ferito sul posto ma constatata la gravità delle lesioni e per ulteriori accertamenti l’uomo era stato immediatamente portato all’ospedale di Martina Franca. 

Morto a Teramo bimbo di 9 mesi travolto da una Jeep guidata da un 89enne. La sindaca: lutto cittadino


Accertamenti sanitari anche per il giovane conducente dell’auto, sotto choc per quanto accaduto. Presenti sul posto gli agenti della Polizia Locale di Locorotondo che dopo l’incidente hanno regolamentato il transito veicolare ed effettuato i classici rilievi di rito. Ora toccherà alla Procura di Bari valutare e indagare se ci sono gli estremi per iscrivere il giovane conducente della Punto sul registro degli indagati con l’ipotesi di reato di omicidio stradale. La morte dell’82enne ha destato parecchia commozione in città dove l’uomo era conosciuto come persona socievole e gentile. Al momento dell’incidente non era ancora buio ed è per questo che si attendono i verbali dei rilievi di rito della Polizia Locale, che hanno anche ascoltato il conducente della Punto, per capire cosa possa essere realmente accaduto e se ci siano state mancanze o inosservanze al codice della strada.
A.Spa.
© RIPRODUZIONE RISERVATA - SEPA

© RIPRODUZIONE RISERVATA