Non si fermano all'alt dei carabinieri e fuggono, ma l'auto si ribalta. Positivi alla droga

Non si fermano all'alt dei carabinieri e fuggono, ma l'auto si ribalta. Positivi alla droga
3 Minuti di Lettura
Giovedì 19 Maggio 2022, 21:35 - Ultimo aggiornamento: 20 Maggio, 07:07

E' stata una otte movimentata quella tra mercoledì e giovedì tra Monopoli e Polignano a Mare. Due giovani monopolitani, a bordo di una Fiat Panda, non si sono fermati, intorno alle 2, all’alt intimato da una pattuglia dei carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Monopoli che stava effettuando un servizio di controllo. L’utilitaria, invece di fermarsi, ha accelerato di colpo con l’intenzione di far perdere le proprie tracce. Ma i militari dell’Arma si sono messi in auto e ne è nato un inseguimento prima tra le vie cittadine e successivamente, dato che la Panda aveva imboccato la Statale 16, anche sulla trafficata arteria. Ma la fuga è durata solo qualche chilometro.

Maxi-tamponamento sulla Provinciale Soleto-Galatina: quattro auto coinvolte

Lo schianto e l'auto si ribalta


Infatti il conducente della Fiat Panda ha imboccato a tutta velocità lo svincolo per Polignano Sud ma ha perso il controllo del mezzo che dopo aver sbandato più volte ha urtato il guard rail e si è ribaltato terminando la corsa proprio in mezzo alla carreggiata. Non contenti i due giovani sono usciti dall’abitacolo e sono fuggiti, approfittando del buio, nelle campagne circostanti facendo perdere le proprie tracce. Ci hanno provato i carabinieri a perlustrare la zona ma l’oscurità ha favorito la fuga dei due. Che però non l’hanno fatta franca. Infatti dall’auto i militari sono risaliti al proprietario e sono riusciti a rintracciarlo poco dopo insieme all’altro “fuggitivo”. Entrambi sono stati sottoposti agli obbligatori test sia per capire se fossero sotto effetto di alcol o di sostanze stupefacenti. E in effetti sono risultati entrambi positivi alla droga. Per questo i due, persone già note alle forze dell’ordine, sono stati denunciati per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti ma anche per resistenza a pubblico ufficiale. Una bravata che potrebbe costare loro molto cara.

© RIPRODUZIONE RISERVATA