Non si ferma all'alt dei carabinieri: latitante scappa contromano

Non si ferma all'alt dei carabinieri: latitante scappa contromano
di Nicola MICCIONE
4 Minuti di Lettura
Giovedì 26 Maggio 2022, 07:27 - Ultimo aggiornamento: 07:43

Non si ferma all'alt dei carabinieri e scappa. Latitante ricercato dalle forze dell'ordine. È fuggito contromano quando ha visto la paletta dei carabinieri, facendoli a dir poco ammattire. Loro lo hanno inseguito per alcune centinaia di metri, ma ogni tentativo è risultato vano. Alla fine, dopo aver urtato alcune autovetture in sosta, è riuscito a scappare, ma gli è servito a poco, perché i militari terlizzesi lo hanno subito riconosciuto in un 36enne del posto. E il perché della precipitosa fuga è presto detto: l'uomo deve infatti scontare 2 anni di reclusione per alcuni reati. E adesso è attivamente ricercato non solo in città, ma sull'intero territorio a nord di Bari.

La fuga del latitante

Tutto è cominciato in via Tripoli, poco dopo le 20 di martedì sera, quando una pattuglia della locale Tenenza, impegnata in una ordinaria perlustrazione della città, ha notato una Fiat Idea.
In quei preziosi secondi i militari hanno potuto studiare l'uomo all'interno, un soggetto a loro già noto. Soprattutto, però, l'attenzione dell'equipaggio è stata attratta dalla circostanza che sia apparso molto innervosito dalla loro presenza. Per questo gli uomini coordinati dal tenente Carmine Guerriero hanno deciso di fermare l'auto per un controllo, intimando l'alt. Il conducente, però, alla vista della paletta alzata da parte di uno dei due militari, ha innestato bruscamente la retromarcia ed è subito fuggito, inseguito dalla gazzella dell'Arma, senza rallentare né tanto meno fermarsi. Inoltre, dopo aver effettuato una lunga serie di manovre - tutte contromano - per sfuggire al pericoloso inseguimento, è andato a urtare contro alcune autovetture in sosta, danneggiando la sua e quelle parcheggiate ai lati della strada.
Ed a quel punto, vistosi ormai in trappola, ha aperto lo sportello ed è fuggito a piedi. È così scattata in un baleno la caccia all'uomo per le vie attorno alla stazione ferroviaria. Il fuggitivo, pur di non farsi catturare si è messo a correre all'impazzata, mentre i due militari, dopo essere usciti dall'auto di servizio, hanno iniziato a tallonarlo a piedi.


L'uomo ha guadagnato la fuga attraversando i binari della Ferrotramviaria, coperto dal buio della sera. Nell'oscurità, poi, è riuscito a guadagnare prezioso terreno, per dileguarsi definitivamente e svanire oltre la linea ferrata nei pressi di viale dei Lilium. Ma è stato riconosciuto sin dal primo momento. Sul posto, intanto, per i rilievi dei numerosi incidenti registrati in occasione della sua fuga spericolata, fra auto, passanti e il traffico, sono intervenuti gli agenti della Polizia Locale, ai comandi del colonnello Antonio Modugno, mentre continuano incessanti le ricerche del fuggitivo: l'uomo, un 36enne già noto alle forze dell'ordine, è attivamente ricercato su tutto il territorio e l'episodio è stato subito diramato alle altre pattuglie presenti in zona. Senza dimenticare i numerosi verbali ammnistrativi che dovrà pagare, visto che ha violato varie norme del codice della strada.
© RIPRODUZIONE RISERVATA - SEPA

© RIPRODUZIONE RISERVATA