Minaccia di buttarsi in una cava per farla finita: salvato dai carabinieri

Minaccia di buttarsi in una cava per farla finita: salvato dai carabinieri
di Pierangelo TEMPESTA
2 Minuti di Lettura
Martedì 7 Giugno 2022, 19:12 - Ultimo aggiornamento: 10 Giugno, 09:17

Minaccia il suicidio, ma i carabinieri lo salvano. È avvenuto nel pomeriggio di domenica a Ugento.

L'uomo, un 37enne del posto, sposato e padre di due bambini, ha raggiunto la cava che si trova sulla vecchia strada che collega il paese a Melissano, nei pressi della cripta del Crocefisso. Ha oltrepassato la rete e ha raggiunto il ciglio della voragine, profonda più di 40 metri. Ha quindi inviato un messaggio ai parenti per annunciare l'intenzione di togliersi la vita. Alla base della decisione, a quanto pare, c'erano problemi di natura familiare.

Il salvataggio

I primi ad arrivare sono stati gli stessi parenti, che hanno cercato di dissuadere l'uomo dal compiere l'insano gesto senza però riuscirci. Sono poi arrivati i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Casarano che, incuranti del pericolo, hanno avvicinato il 37enne e lo hanno tratto in salvo. Uno dei militari ha iniziato a parlare con l'uomo, nel tentativo di calmarlo, mentre l'altro ha oltrepassato la rete e si è messo al suo fianco, a pochi centimetri dal precipizio. Quando anche l'altro carabiniere è entrato all'interno dell'area recintata, il 37enne è stato bloccato e allontanato, facendo tirare un sospiro di sollievo ai familiari che lo hanno potuto così riabbracciare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA