Sucidio a causa di bullismo: 5 rinvii a giudizio per la morte di Marco Ferrazzano

Sucidio a causa di bullismo: 5 rinvii a giudizio per la morte di Marco Ferrazzano
3 Minuti di Lettura
Sabato 4 Giugno 2022, 09:58 - Ultimo aggiornamento: 6 Giugno, 11:58

Con le accuse, a vario titolo, di atti persecutori aggravati al cyber-bullismo, truffa e diffamazione, cinque persone di età compresa tra i 21 e i 24 anni sono state rinviate a giudizio nell'udienza preliminare del processo sulla morte di Marco Ferrazzano, il 29enne di Foggia il cui cadavere venne ritrovato il 22 gennaio 2021 sui binari lungo la tratta Bari-Foggia.

Le ipotesi investigative

Secondo le ipotesi investigative, Marco si sarebbe lanciato sotto un treno in corsa perché vittima di bullismo e cyberbullismo. Il rinvio a giudizio è stato disposto ieri dal gup del Tribunale di Foggia, Giuseppe Ronzino. Dei sei imputati solo uno ha chiesto e ottenuto un patteggiamento a un anno di reclusione e 600 euro di multa.

Tra gli imputati ci sono anche Antonio Bernardo e Antonio Pio Tufo, arrestati a febbraio del 2021 perché coinvolti nella rapina al bar Gocce di Caffè a Foggia nel settembre del 2020, durante la quale il titolare, Francesco Paolo Traiano, venne gravemente ferito e morì dopo 23 giorni di agonia. Le indagini sui presunti atti di bullismo partirono dopo la denuncia del furto del cellulare che Marco subì il giorno prima di essere ritrovato morto sui binari. Poche ore prima Marco andò a denunciare alla Polizia il furto raccontando di essere stato avvicinato da due ragazzi in scooter che, con la scusa di poter fare una telefonata, gli avevano sottratto il cellulare. Appena uscito dalla questura Marco avrebbe vagato per quattro chilometri fino a raggiungere i binari e poi si sarebbe suicidato. Secondo gli inquirenti nel cellulare ci sarebbero alcuni video in cui Marco subiva atti di bullismo e che temeva potessero finire sul web.

Il dramma di gennaio 2021

Il giovane, che soffriva di lievi problemi psichiatrici, era uscito di casa il pomeriggio del 22 gennaio, “estremamente agitato”. Il dramma si è consumato tutto quel giorno di fine gennaio, dunque. Gli appelli dei familiari affinché Marco tornasse a casa – condensati tra l'altro in una pagina Facebook – si rivelarono inutili. E del resto gli stessi familiari, la sorella Miriam soprattutto, avevano chiesto a gran voce che venisse effettuato al più presto l'esame genetico su quel cadavere trovato sui binari della tratta Foggia-Bari.

Per fare luce sulla vicenda, i familiari si erano rivolti anche alla trasmissione “Chi l'ha visto?”. “Dalle ricerche sulla vita di Marco negli ultimi tempi – aveva detto la sorella Miriam – pare che fosse bullizzato. Spesso tornava a casa con lividi e diceva di essere caduto, gli veniva rubato un telefono al mese”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA