Brindisi, calano le iscrizioni: addio al comprensivo Centro 1

Giovedì 30 Dicembre 2021 di Maria Chiara CRISCUOLO

BRINDISI - Importanti novità in arrivo nel mondo della scuola dopo il piano di dimensionamento scolastico formulato dalla Regione Puglia. Il dato che maggiormente salta all’occhio è che negli ultimi anni sono diminuiti gli alunni in quasi tutti i gradi di istruzione: dall’infanzia alle superiori. È proprio la mancanza di studenti a creare chiusure e accorpamenti di istituzioni scolastiche un tempo isole felici. Il calo demografico degli scorsi anni, con sempre meno nascite, sta facendo sentire i propri effetti sulle iscrizioni. In città scompare il comprensivo “Centro 1” sceso al di sotto della soglia minima dei cinquecento alunni, in virtù dell’ultima deroga stabilita per il perdurare dello stato di emergenza. La Regione ha stabilito la fusione con il comprensivo “Bozzano” fatta eccezione per la sede di via Sele che da settembre farà parte dell’istituto comprensivo “Paradiso-Tuturano”.

La partita

Soprattutto per gli istituti superiori, si gioca tutta sull’attivazione di nuovi indirizzi di studio. All’istituto professionale “Morvillo-Falcone” di Brindisi da settembre sarà attivo l’indirizzo Industria e Artigianato per il Made in Italy presso la sede di San Vito dei Normanni «in quanto si configura come altra sede del medesimo indirizzo attivo nella sede di Brindisi». Nulla da fare invece per l’attivazione dell’indirizzo di studio agricoltura, sviluppo rurale, valorizzazione dei prodotti del territorio e gestione delle risorse forestali e montane, «in quanto - secondo il parere espresso dalla Regione -non risultano attestate le strutture necessarie alla conduzione dell’indirizzo nella sede di Brindisi». Stesso dicasi per l’attivazione di percorsi triennali di IeFP per il conseguimento della qualifica di Operatore di abbigliamento sempre presso la sede dell’istituto “Morvillo-Falcone” «in quanto presso l’istituzione scolastica non risultano costituite classi separate di IeFP». Via libera per il liceo polivalente “Don Quirico Punzi” di Cisternino all’attivazione dell’indirizzo “Audiovisivo multimediale” all’interno del liceo artistico. «Vista la documentazione trasmessa - ha spiegato la Regione - si autorizza l’attivazione dell’indirizzo in quanto la relativa offerta è attiva in punti di erogazione raggiungibili in più di 30 minuti di trasporto su gomma e la scuola è già dotata di strutture idonee, come attestato dall’Ente provinciale». Semaforo verde anche per l’indirizzo in Meccanica, meccatronica ed energia presso la sede dell’IISS “Salvemini” di Fasano, mentre è stato bocciato, sia dall’Usr che dalla Regione Puglia, l’indirizzo in “scenografia” «in quanto non attivo il liceo artistico, in accordo con il parere reso da Usr». Si amplia l’offerta formativa dell’IISS “Ferdinando” di Mesagne con l’attivazione dal prossimo mese di settembre dell’indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing nel corso serale. I nuovi percorsi di studi, al via dal prossimo anno scolastico e richiesti dagli stessi istituti, hanno ricevuto il semaforo verde dalla Regione Puglia. Vista la documentazione trasmessa mantengono l’attuale assetto, così come deciso dalla Regione Puglia su parere favorevole dell’Ufficio scolastico regionale: l’istituto Comprensivo “Santa Chiara” di Brindisi; l’istituto comprensivo “Commenda”; l’istituto Comprensivo “Sant’Elia-Commenda”; l’istituto comprensivo “Cappuccini”; l’istituto comprensivo “Casale”; l’istituto Comprensivo “Centro”; il primo comprensivo “Collodi” di Fasano; il secondo comprensivo “Giovanni XXIII” di Fasano; l’istituto comprensivo “Galilei” di Fasano; la scuola secondaria di primo grado “Bianco-Pascoli” di Fasano; il primo comprensivo “Carducci” di Mesagne; il secondo comprensivo “Giovanni XXIII” di Mesagne; la scuola secondaria di primo grado “Materdona-Moro” di Mesagne.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA