Arrestato il procuratore di Taranto, Capristo: pressioni per pilotare le indagini. Coinvolti un poliziotto e tre imprenditori. Indagato il successore a Trani

Martedì 19 Maggio 2020 di Mario DILIBERTO
Il procuratore Carlo Maria Capristo

L’ordine del «maestro» era quello di pilotare l’indagine per usura. Per piegare il cammino della giustizia ai desideri degli “amici”. A rovinare tutto, però, il coraggio di una giovane pm di svelare la trama e scatenare una clamorosa tempesta giudiziaria. Questa la ricostruzione che fa da pietra angolare all’inchiesta della procura di Potenza sfociata, ieri mattina, nell’arresto del procuratore capo di Taranto Carlo Maria Capristo, del...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 20 Maggio, 09:47