Quasi 700 offerte di lavoro nel Barese, ma i posti restano vacanti

Quasi 700 offerte di lavoro nel Barese, ma i posti restano vacanti
3 Minuti di Lettura
Venerdì 7 Ottobre 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 07:09

Lavoro, sono più di 600 le figure professionali ricercate, nella zona Bari sud e contenute nel report di Arpal Puglia, l’agenzia regionale per le politiche attive del lavoro attraverso cui dal 2018 la Regione Puglia garantisce l’erogazione dei servizi per l’impiego e l’incrocio tra domanda e offerta di occupazione. Si cercano salumieri, macellai, braccianti agricoli, giardinieri e magazzinieri. Ma anche tanti ingegneri, architetti e tecnici informatici. Numerosi i segretari e i contabili da assumere, moltissime le figure ricercate nell’edilizia, nel tessile, nel commercio e in altri ambiti.

Tanta offerta, ma poca domanda


Sono infatti 684 le figure professionali ricercate nelle settimane 1-15 settembre dai centri per l’Impiego Bari Sud (Acquaviva delle Fonti, Altamura, Casamassima, Gioia del Colle, Monopoli, Noci e Rutigliano). Rispetto alla precedente rilevazione si nota un importante incremento del numero di pubblicazioni su base settimanale (+1,13%), non seguito da analogo trend di crescita delle posizioni aperte (-1,26%). Detto in soldoni: c’è offerta di lavoro, ma non abbastanza domanda e, quindi, non si creano quei posti che potrebbero generarsi. A questi si aggiungono le possibilità di lavoro e formazione all’estero tramite la rete Eures: 10 annunci pubblicati e 57 unità ricercate. Per lo più in questa categoria sono richiesti lavoratori nel settore siderurgico, chimico, delle costruzioni e elettrico. Sono nove invece i posti riservati ad appartenenti alle cosiddette “categorie protette”: abbastanza numerose sono le assunzioni come addetto alle pulizie per le piccole attività di manutenzione, perito elettrico, perito informatico e impiegato amministrativo. 

Costruzioni e informatica i settori trainanti


In generale però si impone per la numerosità di offerte pubblicate il settore delle costruzioni e installazioni impianti (55 posizioni e 182 relativi addetti). Per numero di singole posizioni ricercate, invece, primeggia il settore dei servizi informatici (201) a fronte però di sole sei offerte candidabili. Segue poi il settore metalmeccanico (26 pubblicazioni per 34 risorse ricercate) e ancora, a seguire, quello della logistica, riparazione veicoli e trasporti. Un certo livello posizionale lo riveste in termini di progressione quantitativa di annunci lavorativi il settore della sanità e servizi alla persona come anche quello dell’agricoltura, agroalimentare e manutenzione del verde. In subordine si riscontra l’ambito occupazionale pulizia e multiservizi con la pubblicazione di 11 offerte, e allo stesso modo, quello del turismo e della ristorazione. Spiccano in nona posizione sia il settore delll’artigianato sia quello amministrativo e contabile, mentre ancora a seguire per numerosità di pubblicazoni si evidenzia il settore tessile-abbigliamento-calzaturiero e con la stessa entità quello di consulenza e servizi aziendali.

Come candidarsi


Per candidarsi è necessario consultare il portale “Lavoro per te” o l’applicazione “Lavoro per te Puglia”. Per pubblicare gli annunci o per rispondere a quelli attivi, aziende e cittadini possono rivolgersi ai sette centri per l’impiego del territorio Bari sud presso le sedi dislocate ad Acquaviva delle Fonti, Altamura, Casamassima, Gioia del Colle, Monopoli, Noci e Rutigliano e presso l’ufficio collocamento mirato disabili, in via Postiglione a Bari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA