Faragò: "Felice di essere qui. Forza Lecce". L'ex centrocampista del Cagliari già a disposizione del tecnico Baroni

Sabato 8 Gennaio 2022 di Lino DE LORENZIS
Paolo Faragò

Paolo Faragò è ufficialmente un calciatore del Lecce. Il 28enne centrocampista calabrese è giunto nel Salento e si è subito messo a disposizione dello staff sanitario per sottoporsi alle visite mediche di rito. La prima tappa è stata presso lo Studio radiologico Quarta Colosso: qui, al termine degli esami strumentali, si è concesso per la prima foto ufficiale con la sciarpa giallorossa ed ha rilasciato anche una breve dichiarazione: «Ciao a tutti, sono contentissimo di esser qui. Forza Lecce da Paolo Faragò». Domani mattina Faragò si recherà di buon’ora presso il Centro BioLab di Cutrofiano per completare le visite mediche. Ad attenderlo ci sarà il medico sociale del club giallorosso, il dottor Giuseppe Congedo. Al termine delle visite, Faragò raggiungerà i nuovi compagni di squadra, nel quartier generale dell’Acaya Golf Resort, per sostenere il primo allenamento agli ordini di mister Baroni e del suo staff. L’allenatore del Lecce conosce molto bene Faragò per averlo allenato in passato nel Novara e pare sia stato proprio lui a spingere per agevolarne l’arrivo nel Salento.

 

Un rinforzo per il centrocampo

Paolo Faragò, calabrese di Catanzaro, si trasferirà dal Cagliari con la formula del prestito. Il club giallorosso avrà la possibilità di riscattarlo al termine di questa stagione al raggiungimento di determinati obiettivi. Nel 4-3-3 di Marco Baroni agirà da mezz’ala, indifferentemente destra o sinistra, mettendo a disposizione del gruppo esperienza e affidabilità. Faragò tra l’altro è molto apprezzato dagli allenatori per la sua versatilità tattica visto che nel corso della carriera si è distinto anche nella veste di laterale destro difensivo e di centrocampista centrale. Fermo restando però che arriverà al Lecce per completare il reparto di centrocampo. 
Lascerà il Cagliari portandosi dietro numeri importanti, nonostante i tanti infortuni che hanno fortemente condizionato la sua carriera: 100 presenze in serie A, l’ultima nella vittoria trasferta del 6 gennaio, a Genova, contro la Sampdoria, condite da 4 gol e 8 assist più 6 presenze, 1 gol e 2 assist in Coppa Italia. Per un totale con i sardi di 6774 minuti giocati, impreziositi da 5 gol e da 10 assist.
Non è tutto perché Faragò vanta anche 141 presenze con il Novara (107 in serie B), 21 gol e 8 assist. Infine, anche 1 presenza in serie A con la maglia del Bologna. Nei professionisti, Faragò è stato espulso soltanto due volte e sempre per doppia ammonizione: la prima, in serie B, con il Novara e la seconda, in serie A, con il Cagliari. Si tratta dunque di un calciatore sostanzialmente corretto.

Altri movimenti

A giorni arriverà in Italia anche Raul Asencio. L’attaccante nativo di Villareal, destinato a ricoprire il suolo di vice-Coda, sarebbe già arrivato a Lecce se non fosse risultato positivo al Covid19 a poche ore dalla partenza dall’aeroporto di Madrid. Salirà sul primo aereo per l’Italia, con destinazione Salento, non appena si sarà negativizzato. Proprio domani è atteso dal tampone di verifica e allora non resta che incrociare le dita.
Qualcosa comincia a muoversi anche attorno ai calciatori fuori dal progetto tecnico del Lecce e di conseguenza finiti nella lista di partenza. A cominciare da Luca Paganini per il quale ci sarebbe stato un pour parler con Alessandria, Ascoli e soprattutto con il Perugia. Il Pordenone invece avrebbe fatto un sondaggio per il colombiano Brayan Vera che spera comunque di restare in Europa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA