Daniele Durante, l'artista visionario che odiava le etichette. L'ultimo saluto oggi a Melpignano

Domenica 6 Giugno 2021 di Vincenzo MARUCCIO

Se a metà degli anni Settanta, anziché tornarsene a casa, fosse rimasto a Londra in attesa che anche per lui sbocciasse il punk, chissà se la pizzica sarebbe rinata. Se qualche settimana dopo non fosse andato a Melendugno a trovare Rina, la cugina di suo padre, forse oggi il Salento - la musica, la cultura, l’immaginario - ballerebbe un altro tempo. Glielo ricordavi e sorrideva. Invece, era andata proprio così, ma Daniele Durante non...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 19 Giugno, 10:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA