Facoltà di Medicina, dieci nuovi prof per il corso a Lecce: tutti i nomi

Giovedì 25 Marzo 2021 di Maddalena MONGIò

UniSalento esce dal bivio per l'ultimo ok ai corsi di Medicina. E la squadra dei docenti viene potenziata con altri 10 nomi che si aggiungono ai precedenti 8 già individuati.
Per effetto di un decreto ministeriale dell'8 gennaio scorso, con ricadute retroattive, l'Ateneo leccese ha rischiato di perdere due dei quattro nuovi corsi di laurea in predicato per il prossimo anno accademico. E, cioè, la nuova laurea in Medicina, la magistrale interateneo con l'Università di Bari in Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattabili, la triennale in Sviluppo sostenibile e cambiamenti climatici e la magistrale in Scienze della cooperazione internazionale (queste ultime due a Brindisi).
Le opzioni sul tavolo? Rinunciare a Medicina oppure ai due corsi di laurea previsti per la sede UniSalento di Brindisi. La doccia fredda era arrivata quando è saltata la possibilità di chiedere l'accreditamento dei corsi di laurea con un numero minimo di prof che garantissero gli insegnamenti per rimpolpare l'organico con successivi concorsi. Dunque, bisognava costruire una squadra di docenti attingendo alle risorse interne non potendo utilizzare lo strumento dei concorsi. Regole nuove, dunque, stabilite per l'istituzione di nuovi corsi di studio per l'anno accademico 2021/2022.

I NOMI DEI DOCENTI


Uno scenario che ha fatto tremare i polsi ai vertici di Unisalento che, però, con uno scatto di reni ha trovato una soluzione sul filo di lana. Per superare i paletti posti dal decreto ministeriale numero 8 del 021 i professori referenti per il corso di laurea in Medicina sono stati ampliati da 8 nomi (requisito richiesto prima del decreto) a 18 totali. Risultato: l'offerta formativa risulta rafforzata. La nuova squadra vede docenti impegnati in insegnamenti di base e di altri caratterizzanti, nell'arco dei cinque anni di corso e a questi si aggiungeranno i prof che saranno reclutati successivamente.
Questo l'elenco: Eleonora Alfinito, per Fisica applicata; Serena Arima, Statistica; Amilcare Barca, Fisiologia umana; Emiliano Bevilacqua, Fondamenti sociologici; Gianpiero Colangelo, Termodinamica; Lucio Tommaso De Paolis, Fondamenti di informatica; Christian Demitri, Ingegneria tissutale; Bruno Di Jeso, Patologia generale; Nunzio Di Nunno, Bioetica; Flora Guerra, Biologia cellulare; Marcello Guido, Igiene ed Epidemiologia; Sanosh Kunjalukkal Padmanabhan, Biomateriali; Michele Maffia, Fisiologia; Maria Rosa Lucia Montinari, Storia della Medicina; Giuseppe Nicolardi, Anatomia Generale; Gianluca Quarta, Elementi di Fisica medica; Luisa Siculella, Biologia molecolare; Vincenzo Zara, Biochimica.

Facoltà di Medicina a Lecce: sì della Regione. Stanziati 83 milioni di euro fino al 2040

Materie, nomi dei prof, aule e tasse d'iscrizione: ecco la nuova Facolta di Medicina a Unisalento

LE PAROLE DEL RETTORE


«Abbiamo superato i limiti imposti dalla norma retroattiva - afferma il rettore di UniSalento, Fabio Pollice - rafforzando ancora di più Medicina e garantendo i criteri per tutti e quattro i nuovi corsi di laurea. Non è stato semplice perché ogni professore può essere garante di un solo corso, ma la ricognizione del personale docente ci ha consentito di soddisfare i criteri richiesti. In realtà, Medicina non è mai stata a rischio. Non possiamo e non vogliamo mettere in discussione un progetto importantissimo per questo territorio, legato alla vocazione per il benessere della persona alla quale aspiriamo, ma mi sarebbe dispiaciuto dover rinunciare ai corsi su Brindisi che merita un'offerta di qualità».
Attilio Pisanò, delegato del rettore all'Offerta formativa, sottolinea qual è stato l'asso nella manica che ha permesso di superare uno scoglio altrimenti insuperabile: «Quella di UniSalento, in questo frangente, è stata una prova di efficienza visto che in poco tempo abbiamo dovuto riconsiderare progetti conclusi. La norma retroattiva ci ha messi alla prova, ma l'abbiamo superata bene. Abbiamo caricato su Cineca l'aumento dei professori referenti e ora i quattro corsi di laurea saranno valutati, in modo definitivo, dall'Anvur».

Ultimo aggiornamento: 29 Marzo, 18:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA