Scambio di cattedre tra Lecce e Pisa: l'assessore Lopalco verso Unisalento

Giovedì 18 Febbraio 2021

Pisa-Lecce, senza biglietto di ritorno per l'assessore regionale alla Sanità, Pierluigi Lopalco che, nelle vesti di epidemiologo, insegnerà a UniSalento se il Consiglio di Amministrazione, convocato per martedì prossimo, darà il via libera allo scambio di docenti. Il Senato Accademico ha già dato parere favorevole: Lopalco arriverà a Lecce e, salvo sorprese, un prof di UniSalento andrà a Pisa.


Lopalco, originario di Mesagne, professore di Igiene e Medicina Preventiva all'Università di Pisa, fa parte attualmente della squadra del governatore Michele Emiliano. Dopo una vita lontano da casa il prof originario di Mesagne è tornato in Puglia chiamato da Emiliano per gestire la pandemia. Da lì le vicende sono note: la candidatura al Consiglio regionale, le polemiche dal centrodestra per un ruolo che ritenevano incompatibile con la campagna elettorale, il passaggio da capo della task force a consulente, l'elezione e, poi, la nomina ad assessore.


Nel gennaio 2000 Lopalco ha mosso i primi passi nel mondo universitario come ricercatore all'Ateneo di Foggia, poi già l'anno dopo l'incarico all'Università di Bari da professore associato. Tra il 2005 e il 2015 è entrato a far parte dell'Ecdc (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie) dove è stato a capo del Vaccine Preventable Disease Program rafforzando la collaborazione europea nel campo dei programmi di vaccinazione. Nell'aprile 2016 è tornato in Italia, all'Università di Pisa, dove è docente nella Facoltà di Medicina e Chirurgia.


L'arrivo di Lopalco nel Salento, come si diceva, è frutto di uno scambio di docenti. A dicembre scorso il prof associato in forze al Dipartimento di Storia Società e Studi sull'Uomo ha presentato con Lopalco domanda congiunta di trasferimento per compensazione mediante scambio contestuale. Il prof che lascerà UniSalento attualmente presta la sua attività a Pisa in virtù di una convenzione tra i due Atenei del marzo 2017 per consentire al docente di svolgere interamente l'attività di ricerca in Toscana. Sinora l'iter è scivolato senza intoppi: c'è il sì anche del Disteba che accoglierà Lopalco.

Ultimo aggiornamento: 16:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA