Genova, bambini in ginocchio senza banchi a scuola. Il preside: «Disegnano sereni...»

Lunedì 14 Settembre 2020
Genova, bambini in ginocchio senza banchi a scuola. Toti: «Inaccettabile»

C'è un caso a Genova. Bambini delle elementari in ginocchio che usano le sedie come banchi per scrivere, oppure con il quaderno sulle ginocchia piegati per riuscire a disegnare o seduti per terra. la foto dei bambini scattata da alcuni genitori è diventata virale sul web. Questo è stato il primo giorno di scuola per alcune sezioni di scuole primarie genovesi che non hanno ancora ricevuto i banchi monoposto pensati per la scuola post Covid. Nelle scuole genovesi, circa 15 mila banchi monoposto o a rotelle sono ancora in attesa di essere consegnati.

LEGGI ANCHE --> Scuola, Azzolina ospite della D'Urso: «La temperatura degli studenti si misura a casa. Mi fido delle famiglie»

«La foto ritrae bambini che, durante un'attività didattica, stanno disegnando sereni in libertà: un'ingenuità, da parte dell'insegnante, farla girare, ma sbagliato e grave strumentalizzarla, strumentalizzando, con essa, soprattutto i bambini, in una giornata nella quale avevamo riscontrato solo grande entusiasmo e nessuna criticità». Lo precisa il dirigente scolastico dell'IC Castelletto, professor Renzo Ronconi in merito alla polemica esplosa in queste ore sulla foto che ritrae i bambini inginocchiati davanti alla propria sedia in una classe priva di banchi.

La scuola che dirigo dal 1° settembre - aggiunge - ha svolto un grande lavoro nei mesi estivi per organizzare la riapertura. Come molte altre scuole, ha affrontato le difficoltà di questi ultimi giorni con spirito costruttivo e collaborativo: tra queste difficoltà, i ritardi nella consegna degli arredi. I banchi, ordinati con largo anticipo, arriveranno domani pomeriggio e nel primo giorno di scuola, che è stato un giorno di festa, abbiamo solo evitato di rimettere quelli vecchi». «Nel mio Istituto - conclude -ho trovato docenti preparati e motivati, che difendo, e bambini sorridenti e felici di tornare a scuola. Questa è l'immagine che porto nel cuore da questo primo giorno e che desidero rimanga a famiglie ed insegnanti».
 

Bambini in ginocchio, il messaggio per la ministra

«Cara Azzolina, questi sono gli alunni di una classe genovese che scrivono in ginocchio perché non hanno i banchi che avevate promesso. E non sarebbero gli unici. I nostri bambini, le maestre e le famiglie non meritano questo trattamento, soprattutto dopo i sacrifici fatti in questi mesi in cui era anche un dovere morale lavorare per evitare tutto questo». scrive il governatore ligure Giovanni Toti sulla sua pagina Facebook. «Lo trovo inaccettabile e sto già scrivendo una lettera alla Direzione scolastica per intervenire immediatamente. Un'immagine come questa non è degna di un Paese civile come l'Italia».


 

Scuola, a Vo' applausi per Mattarella: "Ripartenza per l'intera società". Azzolina commossa

Si torna a scuola dopo sei mesi di stop causa coronavirus : oltre 5,6 milioni di alunni riprendono oggi le leioni in classe. Dopo circa sei mesi - le lezioni non sono più state in presenza dal 5 marzo in tutta Italia, da due settimane prima in alcune regioni del Nord - torna a squillare la campanella nelle scuole italiane.


Ultimo aggiornamento: 15 Settembre, 11:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA