Il Covid non rallenta: 8.521 nuovi casi e altri 10 morti. Puglia, Calabria e Umbria le regioni col maggior numero di contagi

Il Covid non rallenta: 8.521 nuovi casi e altri 10 morti. Puglia, Calabria e Umbria le regioni col maggior numero di contagi
3 Minuti di Lettura
Venerdì 18 Marzo 2022, 13:41 - Ultimo aggiornamento: 19 Marzo, 08:35

Ormai è certo: il virus in Puglia ha rialzato la testa e la regione conquista un triste primato insieme a Calabria e Umbria: le tre regioni taliane sono quelle che hanno registrato il maggior numero di contagi. La media giornaliera dei nuovi postivi durante l'ultima settimana si è attestata a quota 8mila contagi e l'ulteriore conferma arriva dall'ultimo bollettino regionale. Sono 8.521 i nuovi casi di Covid registrati nelle ultime 24 ore, a fronte di 36.065 tamponi effettuati. Il tasso di positità si attesta al 23,62%. E in tutta la regione si contano altri 11 morti. 

Nuovo picco di casi a Lecce e Bari

Lecce continua a detenere il triste primato di provincia con più casi in assoluto ogni 100mila abitanti in tutta Italia. E anche nelle ultime 24 ore il Salento ha fatto registrare il picco di nuovi positivi in Puglia: i casi sono 2.616. Seguono il Barese con 2.603 contagi, la provincia di Foggia con 1.031 positivi, la provincia di Taranto con 926 casi. E ancora, il Brindisino con 711 nuovi positivi e la Bat con 578 casi. 

Covid: boom di contagi in Puglia, sono 8.559. Due i morti
 

L'allarme di Emiliano: «La pandemia non è finita. In arrivo un nuovo decreto del governo»

«La pandemia Covid non è finita, i dati sono in risalita e probabilmente lo saranno ancora, anche nei prossimi mesi. Solo che adesso affronteremo la pandemia che è diventata endemica senza lo stato di emergenza». Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, a margine di una conferenza stampa a Bari. «Tra qualche ora - ha annunciato - uscirà il decreto governativo con la dichiarazione di stato di emergenza per pandemia che viene trasformato in un decreto di gestione endemica della pandemia, quindi vengono richiesti una serie provvedimenti connessi a questo decreto che io devo adottare direttamente. È un passaggio importantissimo».

L'ospedale in Fiera del Levante a Bari non chiuderà

«L'ospedale in Fiera a Bari sarebbe da pazzi pensare di chiuderlo, solo un pazzo può pensare con gli orizzonti di guerra che andiamo a chiudere 150 posti letto di rianimazione, due sale operatorie, Pet, radiologie. È un ospedale che può fare fronte a qualunque tipo di emergenze e comunque il decreto in preparazione» da parte del governo «salvaguarda tutte le strutture che abbiamo costruito in tutte le regioni d'Italia in deroga alle regole di autorizzazione e accreditamento e quindi salvaguarda anche questa struttura che viene ritenuta strategica». Lo ha detto il governatore Michele Emiliano a margine di una conferenza stampa a Bari rispondendo alla domanda se l'ospedale Covid in Fiera a Bari chiuderà dal primo aprile con la fine dello stato di emergenza. «In Lombardia - ha aggiunto Emiliano - è ritenuto talmente importante che lo stanno smontando dalla Fiera e lo stanno rifacendo in una caserma militare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA