Viola l'obbligo di dimora e lascia aperte le bombole di gas: arrestata

Venerdì 20 Maggio 2022

Avvertito l’odore di gas scatta l’allarme, intervengono i vigili del fuoco ed evitano una tragedia. Una domenica notte movimentata in via Regina Margherita a San Marzano, per un forte odore di gas sprigionatosi dal primo piano di uno stabile, abitato da una 50enne del posto. La 50enne aveva violato l'obbligo di dimora.

Evade dai domiciliari: «Troppi litigi con mio fratello». Rintracciato sul tetto di un palazzo

Lo scampato rischio

La donna, di San Marzano di San Giuseppe (Taranto), è stata arrestata dai carabinieri per violazione della misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di residenza. La stessa donna, allontanandosi da casa, ha rischiato di far saltare l'edificio lasciando aperte tre bombole di gas. L'episodio risale ai giorni scorsi. Non sono ancora chiare le ragioni del gesto della donna, che prima di abbandonare l'appartamento ha consigliato a un parente che vive al pian terreno dello stesso palazzo di dormire da un'altra parte.

Evade dagli arresti domiciliari: entra al bar, ordina un caffè. Poi scatta la rapina

Un campanello d'allarme che ha messo in guardia il familiare, che ha avvertito un forte odore di gas dall'appartamento della donna e ha allertato i Vigili del fuoco, intervenuti di lì a poco per mettere in sicurezza lo stabile. I carabinieri si sono messi alla ricerca della donna, senza trovarla. Poi è stata lei stessa a rientrare 24 ore dopo nell'appartamento, quindi è stata arrestata. A quanto si è appreso, la 50enne - che ha precedenti per minaccia e droga - ha riferito di non ricordare nulla dell'accaduto a causa dell'assunzione di alcuni medicinali che le provocano sonnolenza. Su disposizione del pm di turno, la donna è stata condotta al carcere femminile di Trani.

Ultimo aggiornamento: 19:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA