Ragazza di 23 anni trovata morta in una baracca, indagato il fidanzato

Domenica 15 Maggio 2022

In seguito alla morte di una 23enne, giovedì scorso, in una baracca all'interno della gravina San Marco di Massafra (in provincia di Taranto) è indagato il fidanzato e convivente della vittima, un 25enne al quale è stato notificato un avviso di garanzia per morte come conseguenza di altro reato.

Cosa è successo: Ritrovamento choc: cadavere in una baracca della gravina. È di una ragazza di 23 anni

L'ipotesi dell'overdose

Il pm Antonio Natale ha disposto l'autopsia e l'iscrizione nel registro degli indagati del 25enne è un atto dovuto per consentirgli di nominare un proprio consulente. Accanto al corpo della ragazza, che sarebbe stata un abituale consumatrice di droga, c'era una siringa e si ipotizza che sia morta per un'overdose di cocaina e metadone. L'indagato avrebbe riferito agli inquirenti che al momento del decesso della giovane si trovava in quella baracca con la convivente e una terza persona con cui avrebbe dovuto condividere sostanze stupefacenti.

Si attende l'esito dell'autopsia

A quanto si è appreso, il 25enne avrebbe sostenuto di essersi addormentato e al suo risveglio avrebbe trovato la fidanzata morta. Poi sarebbe tornato a casa e avrebbe chiamato i carabinieri con il telefono di sua madre. Ora si attende l'esito dell'autopsia per comprendere l'esatta causa del decesso e accertare eventuali responsabilità.

Ultimo aggiornamento: 18:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA