Novavax autorizzato in Italia, ok dell'Aifa: sarà usato per il ciclo primario (e non per il booster)

Novavax, ok dell'Aifa: via libera anche in Italia al nuovo vaccino
Novavax, ok dell'Aifa: via libera anche in Italia al nuovo vaccino
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 22 Dicembre 2021, 20:25 - Ultimo aggiornamento: 23 Dicembre, 06:54

Via libera da parte dell'Aifa, l'Agenzia italiana del farmaco, al nuovo vaccino anti-Covid Novavax, dopo l'approvazione dei giorni scorsi da parte dell'agenzia europea Ema. La Commissione tecnico scientifica (Cts) di Aifa, nella riunione del 22 dicembre 2021, ha reso disponibile il vaccino Nuvaxovid (Novavax), nell'indicazione autorizzata da Ema per i soggetti di età uguale o superiore ai 18 anni.

Novavax, sì al vaccino proteico: le differenze con Pfizer e Moderna (e perché può convincere i No vax)

Novavax autorizzato in Italia, ok dell'Aifa: sarà usato per il ciclo primario

Il vaccino Novavax, secondo le indicazioni della commissione tecnico scientifica dell'Aifa, verrà utilizzato nella somministrazione come ciclo primario di vaccinazione e non come booster, ovvero non per il richiamo successivo. La vaccinazione prevede un ciclo vaccinale primario di due dosi a distanza di tre settimane l'una dall'altra.

I dati disponibili, rileva la Cts, sul vaccino Nuvaxovid hanno mostrato una efficacia di circa il 90% nel prevenire la malattia Covid-19 sintomatica anche nella popolazione di età superiore ai 64 anni. Il profilo di sicurezza si è dimostrato positivo, con reazioni avverse prevalentemente di tipo locale.

Palù: «Novavax ulteriore arma potente contro il Covid»

Il nuovo vaccino Novavax, dice il presidente dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) Giorgio Palù, è «un'ulteriore arma potente» per combattere il Covid, prodotto con una diversa tecnologia, con un vantaggio «rispetto ai vaccini mRna» dal momento che non ha bisogno della catena del freddo. «Sarà distribuito in un miliardo e mezzo di dosi, con il sistema Covax, nei Paesi in via di sviluppo, cosa importante» perché «c'è una necessità planetaria di vaccini» e «il virus si replica soprattutto in paesi senza protezioni», spiega Palù.

© RIPRODUZIONE RISERVATA