Dai prodotti tipici alle luminarie: il Natale pugliese brilla a Singapore al Christmas Wonderland

Dai prodotti tipici alle luminarie: il Natale pugliese brilla a Singapore al Christmas Wonderland
di Donato NUZZACI
5 Minuti di Lettura
Martedì 29 Novembre 2022, 09:01 - Ultimo aggiornamento: 21:04

I sapori tipici della Puglia, le luminarie, i colori e le componenti immateriali del sentire, le particolarità dei luoghi dell'intera regione, le masserie e gli antichi manufatti, e soprattutto la possibilità e il sogno di «perdersi in posti affascinanti e unici». Tutto questo e tanto altro hanno stregato e sedotto le autorità e l'ambiente di Singapore che accoglieranno fra pochi giorni le primizie pugliesi - a partire dalla cucina - all'interno della Christmas Wonderland, il più grande appuntamento natalizio organizzato da Blue Sky Events e patrocinato dall'Ambasciata italiana a Singapore, che torna per il nono anno ad animare le feste di un luogo simbolo della città-stato, Gardens by the Bay.

L'evento

Con quasi cinque milioni di visitatori dal 2014 a oggi, stavolta l'evento si protrarrà per un mese, dal 2 dicembre al 1° gennaio 2023, con un enorme potenziale mercato: si calcola di ben 600 milioni di abitanti i quali, alcuni direttamente e altri con vari mezzi, potranno ammirare e godere delle immagini della festa, tra cui quelle delle luminarie realizzate in Puglia, attraverso la condivisione sulle piattaforme social di tutto il Sud-Est asiatico.


Ieri si è tenuta la conferenza di presentazione dell'offerta pugliese a Singapore. Protagonisti assoluti saranno i piatti tipici e gli stand gastronomici del territorio che rappresenteranno per la prima volta la Puglia, dal 10 al 18 dicembre in Christmas Wonderland: ad allestire la cena con menù pugliese presso l'Ambasciata italiana con l'imprenditore barese Giuseppe Martellotta, ideatore dell'iniziativa, sarà lo chef di Locorotondo, Leonardo Palmisano, patron del ristorante Caruso di Singapore. «Un esperimento che nasce sotto i migliori auspici, se è vero che i dati dell'interscambio commerciale tra Puglia e Singapore, secondo dati Istat riferibili al 2021, ammontano a oltre 30 milioni di euro tra agroalimentare e manifatturiero», hanno spiegato i promotori. Ricco sarà il menù della cena che vedrà tra le varie pietanze un antipasto a base di «burrata fresca, ricotta e stracciatella pugliese, parmigiana di melanzane alla barese, insalata salentina con pomodori, cetrioli, peperoni, olive e cacio ricotta, olive verdi di Cerignola, mandorle caramellate, cartellate di Natale».

I prodotti tipici


Sarà dunque una vetrina eccezionale per la Puglia e i suoi prodotti tipici, all'interno di un villaggio di luci e colori natalizie, reso «magico» dal fascino delle installazioni pugliesi, promosse da Namaste Europa e dal suo presidente Paolo Maimone e realizzate a mano dagli addetti dell'azienda Paulicelli Gianfranco srl di Capurso. Già in fase di allestimento in questi giorni, infatti, è la Spalliera composta da 103mila lampadine a Led e alta 21 metri come cinque autobus a due piani, ma anche l'Albero di Natale, la Cupola e il Solo, sculture luminose realizzate con oltre 18 tonnellate di materiale.


Ad intervenire nella conferenza sono stati l'ambasciatore d'Italia a Singapore, Mario Andrea Vattani: «La festa natalizia Christmas Wonderland è uno dei più importanti eventi di massa organizzati a Singapore e sarà una grande opportunità per tutta la Puglia. Aziende pugliesi, distributori e produttori italiani basati a Singapore, saranno presenti nel mercatino natalizio per presentare i loro prodotti non solo al pubblico singaporiano, ma anche a quello dei turisti di tutta la regione asiatica che affolleranno i giardini durante le feste». A parlare ieri sono stati anche Kevin Soh, direttore esecutivo di Blue Sky Events Pte Ltd e organizzatore di Christmas Wonderland, Paolo Maimone di Namaste Europa, il titolare della ditta di luminarie Gianfranco Paulicelli, Giuseppe Martellotta (imprenditore artefice della cena pugliese) e per Pugliapromozione Francesco Muciaccia, responsabile Mercati extra Ue: «I Paesi dell'Asean e del Far East rappresentano una delle attuali sfide di Pugliapromozione nella comunicazione destinata al pubblico di alta gamma abituato a viaggiare al di fuori del continente asiatico - ha detto Muciaccia -. Singapore è il cuore economico-finanziario di questa macroregione che registra eccezionali dinamiche di crescita dei flussi turistici in e out-bound. La Puglia deve puntare ad attrarre nuovi flussi dal Sud-Est asiatico sfruttando i collegamenti aerei diretti di entrambi gli aeroporti internazionali regionali, Bari e Brindisi, con i maggiori hub europei. Per questo, il claim Puglia: unexpected Italy ben si adatta al mercato singaporiano e al suo pubblico che da poco ha iniziato a esplorare nuove destinazioni italiane lontane dai tour classici e organizzati da tour operator di fiducia».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA