In fila per i tamponi, record per la Puglia: 50mila in un giorno

Code per i tamponi a Squinzano
Code per i tamponi a Squinzano
3 Minuti di Lettura
Martedì 28 Dicembre 2021, 17:13 - Ultimo aggiornamento: 29 Dicembre, 19:12

Continuano le code davanti alle farmacie pugliesi per effettuare i tamponi. In tanti, dopo le tavolate natalizie, cercano di garantirsi un Capodanno sicuro, pur nella “stretta” già decisa dal governo. E a questi si aggiungono tutti coloro che, incontri natalizi a parte, si sono sottoposti al tampone semplicemente perché spaventati dall’escalation dei positivi negli ultimi giorni.

IL BOLLETTINO

E secondo il bollettino odierno, è stato stabilito il nuovo record di tamponi in un giorno: 50mila, mai in Puglia era stato raggiunto un numero così elevato.

 

Cresce intanto il consumo, fino ad oggi basso, dei test fai da te per l'autodiagnosi dell'infezione da Sars-Cov-2. «La richiesta è aumentata in modo esponenziale durante le vacanze natalizie, anche a causa delle lunghe code per eseguire i tamponi rapidi in farmacia, tanto che oggi se ne vendono in media oltre 10.000 al giorno». A spiegarlo è Antonello Mirone, presidente di Federfarma Servizi, l'Associazione che rappresenta le aziende di distribuzione intermedia del farmaco dei titolari di farmacia. «Spesso - prosegue - l'utente che presenta un raffreddore e vuol verificare che non si tratti di qualcosa di più grave, prova sfiducia davanti alla fila e ricorre agli autotest antigenici. È difficile fare stime precise perché alcuni farmacisti si riforniscono direttamente dai produttori. Ma, in pochi giorni, siamo passati da numeri inizialmente molto bassi alla vendita di circa 10.000 pezzi al giorno di auto test, tra quelli antigenici effettuati con la saliva e quelli sierologici che utilizzano una goccia di sangue». 

La campagna vaccinale 

Intanto procede la campagna vaccinale  e la Puglia è la seconda regione in Italia per la percentuale di copertura delle vaccinazioni anti Covid in età pediatrica, con il 7,4%, +2% rispetto alla media italiana. Il 36% dei pugliesi ha ricevuto la terza dose, +3.7% rispetto alla media italiana. Ha completato il ciclo primario l'82% dei pugliesi, +2.1% rispetto alla media del resto del Paese. Solamente in provincia di Bari sono quasi 6 mila le somministrazioni assicurate finora ai bambini nella fascia di età 5- 11 anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA