Salento, cinque sbarchi in 24 ore: soccorse 167 persone. Malore per una donna incinta. Allo stremo la macchina dei soccorsi

Lunedì 8 Novembre 2021

Proseguono gli  sbarchi in Salento dove si stanno registrando ripetuti arrivi di migranti. Sono cinque quelli registrati nelle ultime 24 ore. Nel porticciolo turistico di Santa Maria di Leuca è arrivato ieri sera uno scafo con a bordo 68 persone. Lo scafista, dalle prime notizie trapelate, sarebbe stato arrestato. Sempre ieri sera, un'altra imbarcazione è stata avvistara al largo di Castro con a bordo 16 persone, che sono state accompagnate al centro Don Tonino Bello di Otranto. 

Nella mattinata di oggi, 8 novembre, un altro natante è stato intercettato nella zona di Portoselvaggio, marina di Nardò: in salvo 17 persone di varie nazionalità e, poche ore dopo, una famiglia di migranti composta da quattro persone è stata soccorsa a largo di Leuca. 

Sempre a Santa Maria di Leuca è arrivato nel porto il motopeschereccio intercettato in tarda mattinata da unità aeronavali della Guardia di Finanza a circa 18 miglia dalla costa della piccola marina di Castrignano del Capo. I migranti a bordo sono 69, tutti uomini di nazionalità pakistana, siriana, afgana e somala. Tutti sono in buone condizioni sebbene provati dalla lunga traversata. Una donna incinta ha avuto un malore ed è svenuta sulla banchina: in ambulanza è stata trasferita all'ospedale di Tricase. 

Si tratta di cinque sbarchi in 24 ore registrati nel Salento dove oggi sono giunte complessivamente (stando al conteggio definitivo) 167 persone. La macchina dell'accoglienza è ormai allo strenuo. Per far fronte all'emergenza sono stati attivati anche i medici del reparto sanità pubblica della Croce rossa italiana e sono stati chiamati anche volontari dalla provincia di Brindisi. 

 

Ultimo aggiornamento: 9 Novembre, 08:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA