Minaccia di darsi fuoco a scuola dopo aver brandito un coltello contro una compagna. Bloccato dalla prof

Il ragazzo si era cosparso di liquido infiammabile

Venerdì 15 Ottobre 2021

Si è cosparso di acquaragia, un liquido infiammabile, e ha minacciato di darsi fuoco con un accendino. La drammatica vicenda, avvenuta mercoledì 13 ottobre, ha come protagonista un ragazzino di 12 anni frequentante una scuola media del Salento. Ne dà oggi notizia il Corriere del Mezzogiorno: il 12enne è stato messo in salvo dagli insegnanti e poi trasportato in ospedale, a Galatina, dal quale è stato poi dimesso con una prognosi di pochi giorni. 

 

I fatti

 

Il ragazzino, di origini brasiliane, si è presentato a scuola con un coltello da cucina, una bottiglia di acquaragia e un accendino. Ha minacciato una compagna di classe con la lama, poi ha gettato il liquido addosso ai compagni e a se stesso impugnando un accendino. Il pronto intervento di un’insegnante ha impedito che il giovanissimo portasse a termine i suoi propositi mettendo fine a una vera e propria mattina di terrore. Si tratta, peraltro, della stessa insegnante che, pochi giorni prima, aveva spostato di banco il 12enne perché, molto vivace, disturbava la lezione e i compagni. Il ragazzino, che già in passato avrebbe manifestato comportamenti autolesionistici, è cresciuto nelle favelas brasiliane senza la madre e ha perso in tenera età e circostanze tragiche anche il papà e la nonna, per poi essere affidato agli zii in Italia.

 

L'inchiesta

 

Dopo l'episodio, a scuola sono intervenuti anche i carabinieri che hanno sequestrato il coltello, l’accendino e la bottiglietta in plastica e hanno informato la Procura per i minorenni di Lecce. E' stata aperta un'inchiesta.

Ultimo aggiornamento: 19:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA