Cori sessisti contro la presidente del Gallipoli Football durante la partita. Il sindaco: «Mai mancare di rispetto»

Il presidente Paola Vella
Il presidente Paola Vella
2 Minuti di Lettura
Lunedì 21 Febbraio 2022, 16:28 - Ultimo aggiornamento: 22 Febbraio, 07:46

«Cori beceri e di natura sessista,  la contestazione è consentita, ma non deve mai travalicare il rispetto». Parola del sindaco di Gallipoli Stefano Minerva.

Il primo cittadino si riferisce alle offese sessiste che si sono consumate domenica durante la partita “Città di Gallipoli” contro lo Spartan Ginosa rivolte alla presidente della “Gallipoli Football”, Paola Vella. Uno striscione con la scritta “Vella lavati la bocca” è apparso sugli spalti mentre in coro tifosi ripetevano “Quella donna là, fa la pornostar” con aggiunta di epiteti inerenti alla prostituzione. 

Insulti sessisti alla speaker del Barletta durante la finale di Coppa Italia: le scuse del Martina calcio

Offese arrivate da un'altra «tifoseria di una società sempre gallipolina e con la quale non c’è alcun tipo di problema», ha commentato dispiaciuta Vella. 

Nel frattempo le forze dell'ordine sono al lavoro per cercare di individuare i responsabili dei cori e dello striscione. 

Insulti alla conduttrice salentina post Roma-Lecce: «Difficile finire la trasmissione»

© RIPRODUZIONE RISERVATA