Concessioni balneari, accordo fra Comune e Regione per la proroga

Venerdì 8 Novembre 2019
Operatori balneari come “vedette” dell'erosione costiera. E' su questo ruolo-perno che si incardinerà, a Bari, l'accordo fra comune e Regione propedeutico all'esame delle concessioni demaniali e alla loro possibile proroga. A valle del Dibattito Pubblico sul Piano delle Coste e dell’incontro avuto la scorsa settimana con i balneari, l’assessore alla Pianificazione Urbanistica e alle Marine di Lecce, Rita Miglietta, questa mattina ha incontrato a Bari la dirigente della Sezione demanio e patrimonio della Regione Puglia Costanza Moreo. Al centro dell’incontro il tema delle proroghe delle concessioni balneari da incardinare nel percorso disegnato dal Comune di Lecce con il Piano Comunale delle Coste.

La chiave per integrare il tema delle proroghe con la pianificazione della costa che il Comune di Lecce sta mettendo a punto è nella collaborazione tra i balneari e l’amministrazione sul tema del monitoraggio del fenomeno dell’erosione costiera. Il Comune di Lecce ha infatti previsto nello strumento urbanistico un Piano di monitoraggio dell’erosione, elaborato in coerenza con le ‘Linee Guida nazionali per la difesa della costa dai fenomeni di erosione e dagli effetti dei cambiamenti climatici’ pubblicate con il coordinamento di Ispra. Il Piano di monitoraggio affida ai concessionari il compito – in collaborazione con i tecnici individuati dall’amministrazione – di riscontrare il fenomeno erosivo, contribuendo alla costruzione di una fotografia costantemente aggiornata dello stato degli arenili leccesi, e dunque della loro concedibilità.

Lidi da abbattere, scoppia la polemica. Prete: «Non cancellerete 86 anni di storia». Il sindaco: «Siamo sottoposti alla legge»
Piano Coste, doppio patto in Comune: «Lidi sempre aperti, ma sostenibili»
Piano Coste, meno stabilimenti e più servizi: ecco cosa prevede

Il Comune e la Regione hanno condiviso la volontà di avviare la sperimentazione del Piano di monitoraggio costiero, che dopo la sottoscrizione dell’Accordo potrà partire in tempi brevi. Il monitoraggio permetterà al Comune di valutare le proroghe delle concessioni salvaguardando le spiagge in un disegno coerente con le previsioni del Pcc.

La sperimentazione del monitoraggio messa a punto dal Comune di Lecce sarà utile anche alla Regione Puglia per reperire i dati– relativamente al tratto di costa leccese – per l’elaborazione del nuovo Piano Morfodinamico finalizzato ad aggiornare il Piano Regionale delle Coste. Lecce dunque si pone come riferimento nella sperimentazione di pratiche di co-gestione e partecipazione nel monitoraggio costiero, e incardina all’interno delle previsioni del Pcc il tema del rilascio delle proroghe delle concessioni balneari.

«Nell'ambito del Piano Comunale delle Coste abbiamo individuato il Piano di monitoraggio dell'erosione costiera come strumento di collaborazione fianco a fianco tra balneari e Comune, tutti uniti per l’obiettivo della tutela delle spiagge e della costa – riferisce l’assessore Miglietta - Oggi muoviamo il primo passo per valutare il rilascio delle proroghe delle concessioni in una cornice di interesse generale integrata il con il Pcc, ponendoci l’obiettivo di essere d’esempio per gli altri comuni costieri con un percorso di co-gestione delle spiagge. L’Accordo con la Regione ci consentirà di condividere il piano di monitoraggio e lo scambio di dati, che per la Regione è utile per la nuova pianificazione, e per il Comune per testare e portare avanti il PCC. Presto convocheremo i balneari per informarli di quanto stiamo programmando e per sederci intorno ad un tavolo per costruire le condizioni per condividere il monitoraggio». © RIPRODUZIONE RISERVATA