Dall'enogastronomia alle stelle dello sport: Brindisi protagonista a Linea Verde

Dall'enogastronomia alle stelle dello sport: Brindisi protagonista a Linea Verde
3 Minuti di Lettura
Giovedì 6 Ottobre 2022, 19:42 - Ultimo aggiornamento: 20:44

Brindisi torna su Linea Verde. In questi giorni, infatti, la città adriatica sarà visitata dai due conduttori della trasmissione di RaiUno, Marcello Masi e Daniela Ferolla, per una puntata che andrà in onda nelle prossime settimane. 

Dall'enogastronomia allo sport: città protagonista


Al centro del programma ci saranno diverse sfaccettature del capoluogo adriatico, che vanno dall’enograstronomia, con i prodotti tipici, agli elementi tipici dell’artigianato. Accanto a questo, la troupe di RaiUno si interfaccerà con i principali luoghi di attrazione della città, a partire da quelli in chiave turistica con una visita ai monumenti ma non solo. Ci sarà spazio, infatti, anche per guardare a come Brindisi affronta il tema dell’innovazione. In questo contesto, nel corso della presentazione dello Snim, il presidente della New Basket Brindisi Nando Marino ha affermato che anche nella tappa saranno coinvolti anche i componenti della squadra biancazzurra, con un’ulteriore excursus sull’aspetto legato prettamente al rapporto tra sport, città e mare.

I precedenti

Brindisi, nel recente passato, è stata altre volte protagonista della storica trasmissione, a partire dalla puntata registrata a gennaio del 2020 ed andata in onda a metà di febbraio dello stesso anno, affrontando sempre le tematiche dei prodotti tipici e dei luoghi di interesse. Quindi, Brindisi è comparsa anche in una puntata dedicata alla via Appia (per cui si sta avviando la procedura di candidatura a patrimonio mondiale dell’Unesco) ancora nel 2020, ma a giugno. 
Il Brindisino nel suo complesso, comunque, è comparso più volte nelle varie “declinazioni” del programma, basti pensare a gennaio di quest’anno, dove è stata raccontata San Pietro Vernotico nel ricordo di Domenico Modugno, o ancora lo scorso anno in Valle d’Itria, e più in particolare a Ceglie Messapica, con una declinazione prevalentemente enogastronomica (ed in particolare sulla produzione casearia).

© RIPRODUZIONE RISERVATA