Dal Locus alle rockstar italiane: tre mesi di concerti e festival. Il cartellone dell'estate

Il concerto di Vasco Rossi
Il concerto di Vasco Rossi
di Benedetta DE FALCO
5 Minuti di Lettura
Giovedì 9 Giugno 2022, 07:12

Dal Locus alle rockstar italiane: tre mesi di concerti e festival. Estate è calore, che si dipana nella vivacità della programmazione barese. Perdersi tra le bianche chianche dei vicoli di Bari vecchia, ammirare lo svettante campanile dal romanico pugliese che troneggia nello skyline, sbucare nella romantica confusione dei marinai: sono tappe non scritte ed obbligatorie che immergono visitatori durante il giorno nella magia barese e ne toccano con mano le tradizioni tra storici panifici. La notte invece non ancora scritta della seducente città di porto trova luce e vita nel cartellone “La lunga estate barese” che vede il capoluogo pugliese ricco di appuntamenti ed eventi da giugno fino a dicembre 2022.

Il programma

Molti dei concerti che ospitiamo e torneranno a far risuonare i nostri grandi stadi sono già sold out ma ci saranno tanti eventi in piazza organizzati in collaborazione con l’amministrazione», scrive il sindaco Antonio Decaro, orgoglioso della programmazione che copre appuntamenti con artisti di fama internazionale. C’è l’entusiasmo nelle parole del sindaco di chi ha voglia di scrollarsi i limiti e i timori imposti dal Covid, specialmente perchè non consentivano di immaginare e programmare la cultura e lo spettacolo a lungo termine, infatti scrive il sindaco su un post su Facebook: «Abbiamo tutti voglia di estate, di vivere la città, di goderci qualche ora con gli amici e la famiglia. Bari è pronta ad accogliervi».


Il cartellone vede nella sezione “Festival e spettacoli” il lungomare Imperatore Traiano il 17 e il 18 giugno come location per l’appuntamento fisso nella memoria cittadina: torna il Radio Norba Cornetto Battiti Live con la sua forma itinerante nelle piazze di Puglia. Invece lo stadio San Nicola sarà il palco il 22 giugno per il live di Vasco Rossi, fortemente amato dai baresi, e il 3 luglio per l’acclamato Ultimo, specie tra i più giovani. Bari ha l’onore di aprire inoltre il Locus Festival il 18 giugno con gli Alt-J, la famosa band inglese di alternative indie rock/pop che è ha suonato dai palchi australiani fino a quelli di New York, e quest’anno faranno il concerto in uno dei luoghi più significativi e affascinanti della città al porto: il Faro Borbonico, che farà da scenografia ad uno spettacolo il cui successo è garantito. L’apertura del Locus fa parte degli appuntamenti della “Festa del mare” che coprono il periodo che va da giugno ad agosto e prevedono appuntamenti musicali associati alle location più suggestive della città: Bari in jazz sul sagrato della Basilica San Nicola con Nubya Garcia il 24 luglio, sassofonista di fama internazionale e compositrice inglese, e Arooj Aftab il 2 agosto, vocalist pakistana, compositrice e produttrice statunitense, pluripremiata. Anche Torre a Mare è tra le location en plein air per il Premio Nino Rota il 19 e il 20 agosto, e il Bari Piano Festival dal 21 al 29 agosto. 


Oltre al Locus Festival e Battiti Live, Bari è tappa del Medimex con il grande concerto degli atteso duo britannico di musica elettronica “The Chemical Brothers” il 14 luglio. Lo stile internazionale della programmazione si celebra il 25 settembre con il celebre Mika al Teatro Petruzzelli, che ormai da anni sceglie la Puglia per i suoi tour. Tra i celebri cantanti italiani ci sarà anche il bolognese Cesare Cremonini, il 25 giugno all’Arena della Vittoria. 


Emerge nell’elenco degli eventi l’assenza di appuntamenti dedicati alle periferie che ritardano nella programmazione e causa dello slittamento del bando per gli operatori del mondo dello spettacolo: il nome del bando è “Le due Bari”, nome che trae spunto dal testo di di Pier Paolo Pasolini che scriveva sul capoluogo pugliese: “Un biancore di calce viva” e “un alto villaggio sul mare malato di troppa pace”. Il programma illumina l’estate barese, nella sua pietra calcarea che assorbe e restituisce luce in giochi di illuminotecnici e riflessi naturali di lampioni nel mare adriatico che sembrano abbracciare la costa e il suo fermento. E si ritorna a respirare, anche d’estate tra arte e spettacolo in attesa di una programmazione non solo a lungo termine ma anche per larghi margini tra i quartieri della città. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA - SEPA

© RIPRODUZIONE RISERVATA