Castellaneta, aggredito il sindaco e presidente della Provincia di Taranto. Finisce in ospedale. Identificato responsabile

Il sindaco di Castellaneta Giovanni Gugliotti
Il sindaco di Castellaneta Giovanni Gugliotti
3 Minuti di Lettura
Domenica 20 Marzo 2022, 11:31 - Ultimo aggiornamento: 19:48

Spintoni e pugni al sindaco di Castellaneta Giovanni Gugliotti, che è anche presidente della Provincia di Taranto. L'aggressione è avvenuta nella tarda serata di ieri in contrada Gaudella, a Castellaneta, durante il falò di San Giuseppe. Gugliotti era giunto da poco nella zona e stava salutando alcune persone, quando è stato aggredito alle spalle da un uomo all'interno di un locale. Il malintenzionato lo ha insultato e poi lo ha aggredito, colpendolo con due pugni. Poi si è allontanato. Il sindaco è stato soccorso e condotto all'ospedale San Pio dove è stato sottoposto ad accertamenti. I medici lo hanno dimesso con una prognosi di cinque giorni. Il responsabile dell'aggressione è stato identificato dai carabinieri. Si tratta di un castellanetano di 42 anni che attualmente non risiede nella cittadina jonica.

Parroco aggredito: aveva difeso degli adolescenti dai bulli

L'aggessione

Il grave episodio, come accennato, si è verificato nella tarda serata di sabato dopo il tradizionale falò di San Giuseppe nella contrada di Castellaneta. Il sindaco Gugliotti è arrivato nella zona con uno dei suoi assessori ed è stato avvicinato da alcuni suoi sostenitori. All'improvviso, mentre era in un locale, alle spalle è giunto il malintenzionato, che lo ha spintonato dopo essersi assicurato che si trattava proprio del primo cittadino. Poi l'incredibile aggressione a pugni. 

I soccorsi

Il primo cittadino è stato soccorso, mentre l'aggressore si è allontanato a piedi. Gugliotti è stato subito condotto in ospedale e al pronto soccorso è stato medicato. Poi gli accertamenti per escludere conseguenze più gravi. Ultmati i controlli è stato dimesso con una prognosi di cinque giorni. Sul caso indagano i carabinieri della compagnia di Castellaneta. Poco fa la svolta con i militari che hanno identificato il responsabile dell'aggressione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA