Incidente stradale: morti tre giovanissimi. I genitori percorrevano la stessa strada quando hanno visto l'auto: sono stati loro a chiamare i soccorsi

Incidente stradale: morti tre giovanissimi. I genitori percorrevano la stessa strada quando hanno visto l'auto: sono stati loro a chiamare i soccorsi
di Antonello PICCOLO
4 Minuti di Lettura
Lunedì 23 Gennaio 2023, 07:14 - Ultimo aggiornamento: 24 Gennaio, 16:55

Tre morti e un ferito grave, tutti giovanissimi, con due fratelli estratti dalle lamiere purtroppo già privi di vita. È il drammatico bilancio dell’incidente stradale che si è verificato ieri sera sulla strada provinciale che collega Massafra a Martina Franca, nel versante occidentale della provincia di Taranto. A perdere la vita sono stati Leonardo Carucci di 19 anni e la sorellina più piccola, Antonella Carucci di soli 13 anni. La terza vittima è Leo Conte, di 20 anni. È toccato ai genitori dei fratelli Carucci scoprire la tragedia, a pochi minuti dallo schianto fatale, mentre rincasavano dalla giornata martinese. Sono stati proprio loro, ad allertare la centrale operativa della Polizia Locale. Per il quarto passeggero, Giuseppe Convertino, la prognosi resta riservata ma con il passare delle ore sembra che le sue condizioni siano migliorate e non sarebbe più in pericolo di vita. Ha riportato un trauma cranico e diverse fratture.

Cosa è successo

Erano le 18 di ieri pomeriggio - 22 gennaio - quando il destino si è fatto nuovamente crudele. Ancora una volta sulla strada. Ancora una volta con dei giovani. Si sono schiantati contro un muretto con l’auto guidata da uno di loro, qualche chilometro prima di arrivare a casa. Le tre vittime sono tutte di Massafra. Hanno perso la vita sull’asfalto, dopo un pomeriggio domenicale trascorso nella vicina Martina Franca. Un quarto ragazzo, loro coetaneo è stato estratto vivo dal mezzo, ma trasportato in ospedale in condizioni critiche. 

È il drammatico bilancio di una domenica sera orribile, lungo la strada ex Statale 581, che collega Massafra a Martina Franca. È successo a pochi metri dallo svincolo per la Cernera-Noci. È qui che un’auto, una Opel Corsa, che viaggiava in direzione di Massafra, ha sbandato uscendo fuori strada e schiantandosi contro il muretto presente nella corsia opposta. Un impatto micidiale, che non ha dato scampo a tre occupanti del mezzo, ai fratelli Leonardo e Antonella Carucci e a Leo Conte. 


L’unico superstite della tragedia è il diciottenne Giuseppe Convertino (figlio di una consigliera comunale di Massafra) che è stato ricoverato all’ospedale “Santissima Annunziata” di Taranto: ha riportato un trauma cranico e fratture alle gambe e alle braccia. La prognosi resta riservata anche se con il passare delle ore, fortunatamente, il quarto giovane sembra non essere più in pericolo di vita. 

 

Erano andati al ristorante di sushi


Secondo alcune testimonianze raccolte, l’incidente sarebbe avvenuto dopo una giornata di festa. Erano andati a Martina Franca in un ristorante per gustare alcuni piatti della tradizione giapponese, come il sushi. Poi si sono messi in macchina in direzione Massafra. Chissà quali cause hanno portato alla perdita di controllo del veicolo. Sicuramente l’asfalto viscido avrà contribuito. Conte, al volante, avrebbe fatto tutto da solo, alla fine di un rettilineo in prossimità di una strettoia, l’Opel Corsa ha sbandato finendo impattando violentemente contro un muro di cemento.  L’auto è stata trovata semidistrutta e i vigili del fuoco, per poter estrarre i corpi dei ragazzi, hanno dovuto faticare sotto una pioggia battente. 

I genitori rientravano a casa quando hanno visto l'incidente

Leonardo e Antonella Carucci lasciano nello strazio i genitori che per primi si sono accorti della tragedia. Sono stati proprio loro ad allertare i soccorsi. Rientravano a Massafra, percorrendo la stessa strada. Le chiamate disperate alla centrale della Polizia Locale nel tentativo di accelerare i soccorsi. Ogni intervento è risultato vano per strappare questi giovani alla morte. Devastante commentare le nuove vittime di un incidente stradale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA