Sifilide, boom di nuovi casi in Europa: +70% in dieci anni

Venerdì 12 Luglio 2019
Sifilide, boom di nuovi casi in Europa: +70% in dieci anni

Sifilide, aumentano i contagi, in maniera esponenziale. Nel 2017, infatti, i casi sono stati oltre 33mila e sono aumentati del 70%, in Europa, nel corso di un decennio. In alcuni paesi, la sifilide è diventata più comune rispetto ai nuovi casi di Hiv. È quanto evidenzia un nuovo rapporto pubblicato dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), che sottolinea come, a guidare la trasmissione, sia l'aumento di rapporti non protetti tra uomini gay.

Leggi anche:-> Sesso già a 13 anni e senza preservativo: le infezioni aumentano del 400%
Leggi anche:--> Infezioni sessuali, allarme Oms: clamidia, gonorrea, tricomoniasi e sifilide, un milione di nuovi casi al giorno
 


La sifilide è una malattia che si trasmette attraverso rapporti sessuali e, se non trattata, può avere gravi complicanze, tra cui la morte di feti e neonati.

L'Ecdc, che monitora la salute e le malattie in Europa, afferma che complessivamente, oltre 260.000 casi di sifilide sono stati segnalati da 30 paesi dal 2007 al 2017. In particolare, nel 2017, i tassi di sifilide hanno raggiunto il massimo storico con oltre 33.189 casi. Ciò significa che per la prima volta dall'inizio degli anni 2000, la regione europea ha segnalato più casi di sifilide rispetto ai nuovi casi del virus dell'Hiv. Ma il problema variava in modo significativo per paese, con tassi più che raddoppiati in cinque paesi - Gran Bretagna, Germania, Irlanda, Islanda e Malta - e con una diminuzione del 50% o più in Estonia e Romania. Quasi due casi su tre tra quelli segnalati tra il 2007 e il 2017, inoltre, riguardavano uomini che hanno rapporti sessuali con uomini. Gli uomini eterosessuali hanno contribuito invece al 23% dei casi e alle donne il 15%.

Ultimo aggiornamento: 21:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA