Covid Roma, la mappa del contagio: all'Appio e Centocelle record di casi. Nove i quartieri senza positivi

Covid Roma, la mappa del contagio: all'Appio e Centocelle record di casi. Nove i quartieri senza positivi
Covid Roma, la mappa del contagio: all'Appio e Centocelle record di casi. Nove i quartieri senza positivi
di Francesco Malfetano
4 Minuti di Lettura
Venerdì 28 Agosto 2020, 15:21 - Ultimo aggiornamento: 29 Agosto, 10:13

Roma Est peggio del Centro e Roma Sud poco meglio di Roma Nord. È la geografia dei contagi romani che dopo la discesa di inizio estate sono in netta ripresa. Purtroppo infatti la risalita che ha fatto già toccare quota 4290 casi secondo i dati più aggiornati - relativi al 24 agosto - pubblicati sul proprio portale dal Seresmi (Servizio Regionale per la Sorveglianza delle Malattie Infettive). Una cifra significativa che include però non solo i positivi, ma anche pazienti ricoverati, in terapia intensiva (6) e non (299) e soprattutto i contagiati al momento in isolamento domiciliare.

Di questi ben 457 sono stati riscontrati nell’area che grossomodo rappresenta il quartiere Appio Tuscolano, includendo però anche Cinecittà Est e parte di Tor Vergata. I distretti sanitari in cui la Regione suddivide l’area della Capitale infatti, non corrispondono esattamente alla suddivisione in quartieri operata dal Comune, ma mappa alla mano è possibile individuare le aree di riferimento. Così al secondo posto in questa triste classifica con 425 casi c’è ora la zona del Prenestino e di Centocelle (con Pigneto, Torpignattara, Villa Gordiani e altri compresi). Subito dietro, con 332 contagi c’è il 6 distretto che corrisponde a Tor Bella Monaca, Lunghezza e le vari “torri” sparse in quel quadrante della città (Tor Vergata, Torre Angela, Torre Maura, Torre Gaia, Torrenova). È evidente come il contagio in questo caso non segua regole particolarmente oscure e, infatti, è più diffuso in quelle aree in cui risiede un numero maggiore di cittadini. Tant’è che anche facendo riferimento al tasso di contagi che pone in relazione i casi registrati dal Seresmi con 10.000 abitanti, si notano pochissime aree “critiche”. In particolare la zona urbana Villa Pamphili che, essendo molto poco abitata, risulta la più colpita nonostante gli appena 9 casi. Lo stesso vale per il Foro Italico (9 casi), la Pisana (17), Villa Borghese (4) e la zona urbana Omo (26). Ma questa è una descrizione più dettagliata che, va precisato, comunque per ora non preoccupa le autorità.



Tornando ad una dimensione più ampia, risulta un po’ meno colpita invece la zona del Nomentano e dei Parioli che, accorpati nel distretto II, hanno fatto registrare 310 nuovi positivi. Una cifra molto prossima a quelle registrate nelle aree vicine: 303 nel Centro (Distretto I), 302 nella zona di Ponte Milvio (Distretto XV) e 294 in quella che corrisponde più o meno a Monte Mario (Distretto IV). Numeri molto simili anche Ostia, Montesacro, Eur e Monteverde con rispettivamente 269, 267, 264 e 254 casi registrati (sempre in riferimento al 24 agosto). Tra le aree meno colpite invece ci sono Aurelio (230), Portuense (213), Tiburtino (188) e Garbatella (182) che, anche in questo caso va sottolineato, registrato tassi di densità abitativa inferiori rispetto ad altre zone della Capitale. Guardando nuovamente nel dettaglio invece, colpisce come, per fortuna, un discreto numero di zone urbane della Capitale registri invece 0 contagi. Si tratta di Grottarossa est, Martignano, Verano, Tor Di Valle, Ciampino, Castel Porziano e Castel Romano. Ma anche aree più densamente popolate come Tor Fiscale e Appia Antica Sud (ma anche Ostiense con 2 e Santa Maria Galeria con 1) non sono state per fortuna colpite seriamente. In ogni caso si tratta di numeri con cui, senza allarmismi, bisogna fare i conti nella vita di tutti giorni. Ricordandosi però, a prescindere da dove si risieda nella Capitale, che l’importante è proteggersi utilizzando la mascherina e tenendosi ad almeno un metro di distanza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA