Natale e festività, tornare per i fuorisede in Puglia è un salasso. I costi per treni, aerei e auto

Natale e festività, tornare per i fuorisede in Puglia è un salasso. I costi per treni, aerei e auto
5 Minuti di Lettura
Lunedì 5 Dicembre 2022, 05:00

Lo scorso anno c’era l’ondata Covid a ostacolare il viaggio, quest’anno probabilmente la situazione della pandemia sembra meno impattante. Ma il problema c’è, eccome: per i tanti fuorisede che volessero tornare in Puglia per le festività natalizie serve farsi un segno della croce. O, senza scomodare metafore religiose, più prosaicamente mettere mani al portafogli: i costi dei trasporti di treni e aerei, se ancora disponibili, sono già alle stelle. E, è bene sottolinearlo, sono già estremamente ridotte le opzioni disponibili. Non solo, perché in questa situazione si aggiunge anche il costo dei carburanti tornato ormai ben oltre la soglia di un euro e settanta centesimi al litro. Il diesel, ancora, di più. E non si può escludere - anzi, la prassi consiglia che sarà proprio così - un ulteriore aumento ai distributori sotto il periodo natalizio.

Le simulazioni

Ma restiamo a oggi, facendo alcune proiezioni che inevitabilmente possono essere passibili di cambiamenti con il proseguo dei giorni e con l’avvicinarsi della data. La data considerata è quella del 23 dicembre, il venerdì. Piccola premessa: a seconda se si è studente o lavoratore fuorisede, ovviamente un orario potrà essere utile o meno. È chiaro, infatti, che chi è obbligato a orari di ufficio quel venerdì non potrà quasi certamente usufruire dei mezzi in mattinata e dovrà optare per diverse, altrettanto complicate, scelte.
Innanzitutto, allora, i voli. Due gli aeroporti di riferimento, Bari Palese e Brindisi Papola. Da qualche tempo c’è anche Foggia ma, per ragioni geografiche, copre oggettivamente un bacino meno vasto e più residuale dell’alta Puglia. Allora vediamo qualche opzione, partendo dal Milano-Bari: con la compagnia nazionale il costo è di ben 344 euro con partenza alle ore 6.30 da Linate. Il volo a prezzo più basso al momento è di 164 euro con partenza alle ore 7,20 da Orio al Serio (da Bergamo e con compagnia low cost). Uno sguardo al Gino Lisa di Foggia: il costo è di 262 euro. Sempre dalla Lombardia ma con destinazione Brindisi: con la compagnia nazionale il costo è di 380 euro con partenza alle ore 7 da Linate e scalo a Roma Fiumicino. Il volo a prezzo più basso costa 179 euro con partenza alle ore 5.45 da Malpensa (compagnia low cost).

Ma i pugliesi non sono solo a Milano e dintorni. Oltre alla Lombardia, infatti, il Piemonte ospita tante persone, universitari e lavoratori, che vivono per esempio sotto la Mole. Il Torino-Bari, con la compagnia nazionale, costa 224 euro con partenza alle ore 7 e scalo a Roma Fiumicino. Il volo a prezzo più basso è al momento di 175 euro con partenza alle ore 17.35 (con compagnia low cost). Per raggiungere Brindisi dal capoluogo piemontese con la compagnia nazionale si pagano 264 euro: partenza alle ore 7 e scalo a Roma Fiumicino. Il volo meno caro è a 192 euro con partenza alle ore 22.10 (con compagnia low cost). 
Dal Nord Ovest al Nord Est. Prendiamo come riferimento lo scalo Marco Polo di Venezia: il volo con la compagnia nazionale per Bari è a 223 euro con partenza alle ore 6.20 e scalo a Roma Fiumicino. Il volo a prezzo più basso costa 145 euro con partenza alle ore 5.45 con low cost. Simile il quadro dall’aeroporto veneto a Brindisi: nel primo caso il costo è di 263 euro con partenza alle ore 6.20 e scalo sempre a Fiumicino mentre con l’offerta a basso costo il prezzo è di 200 euro con partenza alle ore 18.10.

I treni e i viaggi in auto

E i treni? Un tempo, i cari e vecchi convogli caratterizzavano i viaggi dei tanti emigranti. Valigie di cartone o scene iconiche riprese anche dalla cinematografia - indimenticabile, il viaggio di Totò e De Filippo alla ricerca della nebbia milanese - sono ormai accantonate. Allo stesso tempo, sono accantonati quei prezzi accessibili che consentivano una mobilità più o meno agevole. Per esempio, sulla tratta Milano-Taranto, online non sono prenotabili collegamenti diretti ma ci sono soluzioni con cambi a Bari (partenza ore 8.05 e arrivo alle 17.47) e a Napoli (partenza alle 12.10 arrivo alle 22). Costano dai 151 euro ai 298 euro. Il collegamento Milano-Lecce presenta una soluzione con cambio a Bari (partenza alle 8.05 e arrivo finale alle 17.43): costo totale che sfonda i trecento euro, ossia 300,50 euro. L’altra, è sui 220 euro. Altri esempi da Torino: si può prenotare un “Torino-Taranto” - soluzione con cambio a Napoli e partenza alle 11 con arrivo alle 22 - costo totale 160 euro. Da Torino a Lecce, a oggi, i posti risultano esauriti su diversi mezzi: un paio di soluzioni varia dai 166 ai 225 euro, ma entrambe non sono dirette. 

Infine, al di là dei bus che offrono sicuramente un “riparo” ma obiettivamente viaggi più scomodi, c’è chi opterà - o dovrà optare - per la propria automobile. Su viamichelin è possibile avere delle simulazioni sui costi dei viaggi in auto. Quello tra Milano e Lecce con gli attuali costi di benzina e autostrada è un salasso: 170 euro tra pedaggio 64,40 euro e carburante 105 euro. Dalla Capitale al Salento il costo è invece di 88 euro a causa di pedaggio 24 euro e carburante 64 euro. Il calcolo è stimato in base ai costi attuali della benzina (il diesel è anche più caro, in questo periodo storico): sotto le festività, tra l’altro, non è inconsueto che il prezzo dei carburanti possa ulteriormente salire. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA