Covid, casi in calo: sono 1.859 in Puglia. Ma ci sono nove decessi

Lunedì 11 Aprile 2022

Il covid non cessa la sua corsa, ma anche in Puglia i nuovi contagi sono in diminuzione rispetto al recente passato.

Oggi in Puglia si registrano 1.859 casi di contagio da Coronavirus su 17.171 test (incidenza del 10,8% in calo rispetto al 16,3% di ieri) e nove decessi. I nuovi casi sono così distribuiti: 702 in provincia di Bari, 134 nella provincia Barletta-Andria-Trani, 163 in provincia di Brindisi, 238 in provincia di Foggia, 422 in provincia di Lecce, 179 nel Tarantino. Sono residenti fuori regione altre 18 persone contagiate (provincia in corso di definizione per altri 3 casi). Sono attualmente positive in Puglia 107.848 persone, di cui 649 sono ricoverate in area non critica (ieri 657) e 39 in terapia intensiva (ieri 40).

Covid, il farmaco Molnupiravir elimina il virus in 3 giorni: il nuovo studio

Il parere di Lopalco sulle mascherine

«Potremo abbandonare l'uso di mascherine al chiuso quando la circolazione virale di Sars-Cov-2 sarà più bassa, ora sarebbe sbagliato. Su certi argomenti le opinioni non contano. Le mascherine servono ed esistono prove scientifiche a proposito. La scienza è chiara». Lo spiega all'Adnkronos Salute l'epidemiologo Pier Luigi Lopalco, docente di Igiene all'Università del Salento ricordando, in particolare, i vantaggi delle Ffp2, che proteggono sia chi la indossa sia le persone intorno a noi. Per Lopalco si può essere d'accordo sul fatto che un patogeno molto contagioso, come può essere la 'famiglia Omicron', «non lo si blocca solo con le mascherine, ma l'eventuale messaggio che queste non servono non solo è sbagliato scientificamente ma anche pericoloso per la salute pubblica». Queste protezioni sono valide per i diversi patogeni, Omicron compresa: «il principio è sempre lo stesso: le mascherine chirurgiche servono principalmente a limitare la probabilità di contagiare gli altri, mentre le Ffp2 offrono una buona protezione anche a chi le indossa».

Ultimo aggiornamento: 12 Aprile, 08:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA