Carburante-record, ecco come risparmiare: le app che salvano le tasche. "Da Bari a Lecce benzina a 1,8 euro"

Carburante-record, ecco come risparmiare: le app che salvano le tasche. "Da Bari a Lecce benzina a 1,8 euro"
3 Minuti di Lettura
Venerdì 11 Marzo 2022, 21:36 - Ultimo aggiornamento: 13 Marzo, 13:43

Il prezzo del carburante è ai massimi storici. Il costo della benzina e del diesel era già in crescita da mesi, ma la guerra in Ucraina l'ha portato alle stelle. Ma a rendere difficile la vita degli auotmobilisti ora si sommano scioperi, proteste che contribuiscono a spingere la risalita dei prezzi. Ma c'è ancora il modo di risparmiare. Come? Esistono alcune app che indicano giorno per giorni i distributori più economici e come arrivarci. Ecco l'elenco per la Puglia.

L'app più scaricata

L'applicazione più scaricata si chiama "Prezzi Benzina" che in pochi giorni h araggiunto più di quattro milioni di dowload ed è installabile sia sui sistemi iOs che Android. Facile da utilizzare, una volta impostata la posizione e il tipo di carburante, fornisce la lista aggiornata in tempo reale dei distributori dal più economico al più costoso. Ieri sera a Bari il distributore Enercoop di viale Luigi Paster vende la benzina a 1,979 euro al litro. A Brindisi, invece, per il distributore Esso, nel quartiere Paradiso sulla provinciale per San Vito, ha fissato il prezzo di vendita a 1,799 euro per litro. L'Eni di Castromediano di Lecce, infine, ha fissato il prezzo a 1,879. Ma sfruttando le potenzialità di Maps e con pochi e semplici passaggi e possibile visualizzare in tempo reale l'andamento dei prezzi su tutto il territorio regionale, da Foggia al Capo di Leuca.

(Ecco un esempio di come funziona la app)

Le altre app per risparmiare sul carburante

La seconda app in ordine di download si chiama "iCarburante". Una volta scaricata ed eseguito l'accesso, bisogna consentire di rilevare la posizione (una pratica che va fatta con tutte le app). L'utilizzo è molto intuitivo, ma per poter usufruire di tutti i servizi è richiesto il pagamento una tantum di 1,99. A seguire c'è "Benzina", che chiede l'iscrizione - non obbligatoria - per accedere al servizio. Si possono il tipo di carburante preferito e il range di chilometri oltre i quali non vanno segnalati distributori. Da segnalare anche "Gaspal", "Risparmia sui prezzi" e "il Pieno". 

© RIPRODUZIONE RISERVATA