Grecia, annuncio del governo: "È stato trovato l'accordo con creditori"

Martedì 11 Agosto 2015

ATENE - Accordo raggiunto tra Grecia e creditori sugli obiettivi di bilancio del Pese per gli anni 2015-2018. Lo ha riferito in nottata l'agenzia di stampa Ana.

L'accordo sugli obiettivi finanziari è un primo passo importante verso un'intesa globale sul terzo pacchetto di aiuti alla Grecia, per un valore di almeno 82 miliardi di euro, che Atene sta negoziando con i suoi creditori (Ue, Bce e Fmi) nell'ambito del meccanismo europeo di stabilità: la trattativa è in corso da più di due settimane nella capitale greca e le parti sperano di raggiungere un accordo molto rapidamente, forse già oggi.

Secondo la fonte citata dall'Ana, l'intesa raggiunta questa notte prevede che la Grecia registrerà nel 2015 un deficit primario (saldo di bilancio, esclusi i pagamenti di debito) pari allo 0,25% del Pil, nel 2016 un avanzo primario dello 0,5% del Pil, dell'1,75% nel 2017 e del 3,5% nel 2018.

L'accordo, come hanno riferito fonti del governo, sembra essere stato concluso poco dopo le 08:00 locali al termine di una maratona di circa 18 ore di colloqui che ha avuto inizio lunedì mattina.

Uscendo dall'Hilton hotel, dove le trattative si sono svolte, il ministro delle Finanze Euclid Tsakalotos ha affermato che l'accordo è quasi fatto. «Siamo molto vicini», ha detto ai giornalisti.

«Ci sono solo un paio di dettagli minori rimasti circa le azioni prioritarie». Fonti di stampa riferiscono che l'accordo prevede che il governo di Atene ponga in atto immediatamente 35 azioni prioritarie.

MANCA L'ACCORDO POLITICO L'accordo «è tecnico» ma manca quello «politico». C'è bisogno di una valutazione politica che verrà fatta nelle telefonate che Juncker ha in programma con Merkel e con Hollande. Inoltre ci sarà una teleconferenza degli sherpa Ecofin che farà il punto. Così una portavoce della Commissione precisando di non poter commentare l'intesa.

Ultimo aggiornamento: 12 Agosto, 12:40