San Pio, via Silvio Pellico diventa pubblica e riapre al traffico.Così il quartiere si riconnette

San Pio, via Silvio Pellico diventa pubblica e riapre al traffico.Così il quartiere si riconnette
3 Minuti di Lettura
Sabato 26 Febbraio 2022, 20:21 - Ultimo aggiornamento: 20:28

Via Silvio Pellico  a Lecce è rimasta ingabbiata per 15 anni, a causa di un contenzioso tra l’amministrazione e i privati. Una “disputa” che ha condannato i residenti di San Pio a un lungo isolamento con disagi alla viabilità: quella strada privata spaccava, infatti, il quartiere a metà. Ma ora arriva la svolta. Riaprirà al transito lunedì alle 18.30 (con inaugurazione pubblica) la strada che connette via Silvio Pellico con via Cavalieri di Vittorio Veneto, rompendo dopo molti anni l’isolamento urbanistico che ha penalizzato residenti e imprese del rione. Prima della riapertura il sindaco Carlo Salvemini incontrerà i residenti del quartiere.

Il sindaco Salvemini: «Si chiude una vicenda che si trascina dal 2007»

La nuova strada sarà denominata via Libero Grassi. A darne l’annuncio, ricordando alcuni passaggi chiavi dell’annosa questione, è il sindaco Carlo Salvemini: «Si chiude una vicenda intricata, che si trascina dal 2007, e dopo un lungo contenzioso giudiziario trova oggi definitiva soluzione grazie alla collaborazione tra la famiglia ex proprietaria della strada e l’amministrazione comunale, con la chiusura dell’accordo per la cessione. Un rapporto che siamo riusciti a ricostruire e finalizzare al miglior esito per l’interesse collettivo. I passi decisivi compiuti dal 2017 ad oggi sono stati numerosi e il contributo del Consiglio comunale è stato fondamentale. Per sbloccare la riapertura dell’arteria l’amministrazione ha proceduto all’approvazione della variante urbanistica, svincolando il destino della strada da quello del cantiere e, grazie alla dichiarazione di pubblica utilità dell’opera e al conseguente esproprio della superficie necessaria, realizzato i lavori propedeutici alla riapertura. Ringrazio gli assessori ai Lavori Pubblici Marco Nuzzaci e all’Urbanistica Rita Miglietta e i rispettivi uffici che sono riusciti a sbrogliare la complicata matassa che da quindici anni impediva la libera fruizione di questa importante arteria di collegamento. Manteniamo, dunque, l’impegno assunto con i residenti del quartiere». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA