L'arbitro ammonisce il figlio, papà entra in campo e lo picchia: follia in una partita under 14

L'uomo, con precedenti penali, aveva anche aggredito un altro spettatore intervenuto per difendere il giovane direttore di gara e tentato di aggredire i militari

Lunedì 9 Maggio 2022
L'arbitro ammonisce il figlio, papà entra in campo e lo picchia: panico in una partita under 14

L'arbitro ammonisce il figlio e lui, furioso, lo aggredisce negli spogliatoi. Poi, non soddisfatto, si scaglia anche contro un altro genitore, intervenuto per difendere il giovane direttore di gara, e contro i carabinieri che lo hanno arrestato. Una giornata di ordinaria follia, a Firenze.

 

Leggi anche > Terremoto Firenze, prosegue lo sciame sismico: ancora scosse in provincia, la più forte all'alba

 

È accaduto sabato scorso sul campo sportivo di Peretola, al termine di una gara di Under 14 tra Firenze Ovest e Albereta San Salvi. Il genitore, un 34enne con diversi precedenti, era andato su tutte le furie per un'ammonizione comminata al figlio dall'arbitro, un ragazzo appena 18enne. Già durante la partita, il giovane genitore aveva iniziato ad aggrapparsi alla recinzione del campo per insultare l'arbitro, arrivando poi a minacciare un altro genitore che aveva cercato di tranquillizzarlo. Forte la tensione sugli spalti, con la gara che era stata anche interrotta per qualche istante, salvo poi riprendersi e concludersi regolarmente.

 

Al termine della gara, però, l'episodio più grave: il giovanissimo arbitro, al momento di lasciare l'impianto, è stato avvicinato dal 34enne, che gli ha sferrato un violento pugno al volto. Un altro genitore, intervenuto per difendere l'arbitro, è stato invece spintonato e colpito più volte a un ginocchio. Sul posto i carabinieri, che hanno fermato il 34enne, in stato di alterazione psicofisica dovuta forse all'assunzione di alcolici. I militari lo hanno immobilizzato e portato in caserma.

 

Il genitore 34enne ha cercato di colpire più volte i carabinieri, raggiungendo un militare con uno sputo e un altro con un calcio al ginocchio. In caserma, l'uomo ha continuato a dare in escandescenze. Ora sarà processato per direttissima con le accuse di violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale, percosse, lesioni personali. L'arbitro e lo spettatore aggrediti, che hanno riportato ferite guaribili rispettivamente in quattro e sette giorni, hanno sporto denuncia contro di lui.

Ultimo aggiornamento: 16:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA