L'esito del tampone dopo 11 giorni: positivo un secondo vigile

Giovedì 2 Aprile 2020 di Tranquillino CAVALLO

Un altro vigile urbano di Mesagne, in provincia di Brindisi, è risultato essere positivo al Covid-19. Si tratta del vigile che aveva fatto il tampone il 20 marzo scorso i cui risultati sono arrivati ben 11 giorni dopo. Lo stesso agente, il 27 marzo scorso, ha ripetuto il tampone da cui ancora non ha ricevuto nessun esito. Così salgono a 2 i vigili positivi al coronavirus mentre un altro è a casa in stato febbrile.

Al vigile con sintomi eseguiti due prelievi: nessuno sa dirgli ancora se è contagiato
Coronavirus, muore un vigile urbano: nove gli agenti contagiati
Troppi contagi, chiude il comando della Municipale. Anche il sindaco in isolamento volontario

A seguito di tale quadro sanitario l'Asl questa mattina effettuerà, presso le rispettive residenze, 13 tamponi, tra vigili e impiegati del Comune che hanno avuto a che fare con i due agenti, i cui risultati saranno noti in tarda serata o, al massimo, il giorno dopo. Nel caso le analisi dovessero risultare positive, anche in un solo caso, il tampone sarà eseguito su tutti gli altri vigili. Ben 15 altre unità. Al termine di questi accertamenti saranno assunte ulteriori decisioni che riguarderanno la funzionalità dello stesso comando.
Dunque, dopo quasi due settimane e diversi giorni di febbre a 40 gradi è giunto il risultato all'agente di polizia locale: positivo al Covid-19.

La comunicazione ufficiale è arrivata dall'Asl direttamente al paziente. L'agente, una volta in possesso della certificazione, lo ha comunicato al sindaco Matarrelli. Poi ha postato la notizia su Facebook per ringraziare quanti, in questi giorni, gli sono stati virtualmente vicino. «Purtroppo, la mia preoccupazione è risultata fondata: sono risultato positivo - ha scritto l'agente -. È arrivato il risultato del primo tampone, quello che sembrava smarrito, una situazione che stava diventando Kafkiana dopo l'inceppamento della macchina dei reagenti del secondo tampone. Ha quindi aggiunto: La cosa che mi consola è che oramai sto bene, non ho più febbre o altri sintomi da 10 giorni e posso raccontare la mia disavventura. Non voglio neanche immaginare cosa sarebbe successo se avessi avuto patologie gravi e al conseguente calvario che avrei subito, cosa che purtroppo è successa ad altri. Domani faranno il tampone ai colleghi che sono stati direttamente in contatto con me e se ne risulterà positivo un altro, lo faranno a tutti. Vi ringrazio nuovamente, di tutto cuore, perché la vostra vicinanza ed affetto ci sono sempre stati e vi abbraccio forte». I servizi sono assicurati e «già da questa mattina i vigili e altri soggetti, che sono venuti a contatto diretto con gli agenti che sono risultati positivi al coronavirus, saranno sottoposti ad accertamenti», ha precisato il comandante Teodoro Nigro.

La vicenda è seguita personalmente dal primo cittadino, che ogni sera comunica, via streaming, alla città le novità sanitarie del giorno in una diretta che, oltre che seguita, è piuttosto attesa dai mesagnesi. «Appena ho appreso del secondo positivo mi sono sentito con l'Asl e ho richiesto un immediato tampone per coloro che hanno avuto contatti con le persone in questione. Nella procedura d'urgenza - ha detto il sindaco Toni Matarrelli - sono stati indicati i nomi di coloro che hanno avuto contatti diretti. Questa mattina i tecnici dell'Asl effettueranno 13 tamponi che saranno lavorati presso i laboratori di Brindisi. La risposta sarà immediata, probabilmente già in serata. Dopo di che sapremo cosa è accaduto e cosa dovremo fare».

Ultimo aggiornamento: 10:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA