Il porto si prepara a cambiare volto: una terrazza sul mare aperta alla città

Giovedì 19 Maggio 2022

Bari avrà finalmente un terminal passeggeri all’avanguardia, con sale relax, punti ristoro e una “piazza sul mare”. L’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico meridionale ha pubblicato il bando di gara per individuare la ditta, o l’Ati, che si occuperà dei lavori di realizzazione dell’opera da oltre 9 milioni di euro, sulla banchina 10 del porto di Bari.

Il progetto


Il nuovo terminal, il cui cantiere presumibilmente potrebbe avviarsi già a partire dal prossimo settembre, sarà una struttura moderna e funzionale che si svilupperà su una superficie di circa 3.000 metri quadri, una vera e propria terrazza. «La portata strategica dell’opera per il porto di Bari è gigantesca - commenta il presidente dell’Autorità portuale pugliese, Ugo Patroni Griffi - una valutazione che è stata condivisa e sposata da tutti i soggetti interessati che ci hanno accompagnato speditamente all’ultima fase di una procedura complessa e articolata».
L’edificio che ospiterà il nuovo terminal avrà una caratteristica “polifunzionale”: non sarà infatti solo usato per l’accoglienza dei passeggeri ma diventerà anche un punto di riferimento per eventi e conferenze. L’area di attesa interna al terminal, infatti, potrà essere facilmente trasformata in una sala polivalente. Tale versatilità sarà ulteriormente esaltata dalla superficie di copertura, interamente attrezzata, quasi a divenire una quinta facciata dell’intero edificio. 
Nel progetto sono stati applicati i più moderni standard di efficientamento energetico e sostenibilità ambientale, i materiali utilizzati e le tecniche scelte saranno in linea con i dettami previsti dall’architettura bioclimatica.

Inaugurata la ruota: “panoramica” mozzafiato sul lungomare di Brindisi


«Il nuovo terminal - conclude Patroni Griffi - oltre ad innalzare esponenzialmente l’appeal dello scalo, andrà a rafforzare il legame urbano porto-città. Lo scalo di Bari inteso sempre più quale snodo nevralgico, non solo dei traffici portuali, ma anche della vita sociale di tutta l’area Metropolitana».

Bandiere Blu, ecco le spiagge più belle di Puglia: tre novità, bocciata Otranto


Il terminal sarà a disposizione delle navi da crociera e per i traghetti e andrà a sostituire le strutture attualmente in funzione presenti sulla banchina. Si svilupperà su due piani più la terrazza: all’interno saranno quindi realizzate aree imbarco, sale bagaglio, uffici per le forze dell’ordine. Scendendo più nel dettaglio il piano terra dell’edificio ospiterà la hall, un’ampia sala d’attesa e ben 10 postazioni denominate “meet&greet” destinate all’accoglienza e alla registrazione dei passeggeri. Nella piena tutela della sicurezza di tutti gli utenti e dei viaggiatori, l’area sarà dotata di scanner e apparecchiature radiogene, nonché di portali magnetici per la rilevazione dei metalli. Prevista anche una zona riservata alla ricezione dei bagagli, con una grande sala deposito di circa 600 metri quadrati, accessibile direttamente dalla banchina. E poi ancora uffici, servizi e aree destinate alle forze dell’ordine. Attese confortevoli e rilassanti saranno, invece, possibili al primo piano della struttura, dove la grande sala con le poltroncine sarà dotata anche di bar con tavolini interni ed esterni e di posti a sedere sulla terrazza panoramica dove sarà quindi creata una vera e propria “Piazza del Mare”. Che sarà aperta alla città e non necessariamente legata alle attività del porto. I lavori dovranno essere condotti in modo da non intralciare né interrompere in alcuna maniera l’operatività dello scalo. Ieri la pubblicazione del bando. 


Le offerte potranno essere inviate entro le 10 del 13 giugno e saranno aperte il giorno successivo. Si tratta di una procedura aperta telematica, con applicazione del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, individuata sulla base del miglior rapporto qualità prezzo. I lavori dovranno essere completati entro 600 giorni, successivi alla data del verbale di consegna.
S. Del.
© RIPRODUZIONE RISERVATA - SEPA

© RIPRODUZIONE RISERVATA