Bari, agguato contro un 23enne: é in rianimazione. Ferita per errore la fidanzata di 15 anni. La pista del regolamento di conti

Bari, agguato contro un 23enne: é in rianimazione. Ferita per errore la fidanzata di 15 anni. La pista del regolamento di conti
3 Minuti di Lettura
Sabato 19 Marzo 2022, 21:59 - Ultimo aggiornamento: 20 Marzo, 18:48

E' ricoverato in rianimazione il 23enne ferito ieri sera in un agguato nel quartiere San Paolo di Bari insieme alla fidanzata. Mentre proseguono le indagini da parte dei carabinieri che hanno acquisito i filmati delle telecamere disseminate in zona. Gli inquirenti non escludono la pista del regolamento di conti: il 23enne infatti sarebbe vicino al clan Strisciuglio.

L'agguato a colpi di pistola

Una coppia di giovani fidanzati è stata vittima di un agguato a colpi d'arma da fuoco al San Paolo di Bari. E' avvenuto poco dopo le 20 di ieri sera, mentre i due erano in auto lungo la strada principale del quartiere, viale delle Regioni, vicino all'edificio che ospita il giudice di Pace. Il più grave è il ragazzo, 23 anni. Lei ha 15 anni. 

Avrebbe sparato al nuovo compagno della madre. In manette per tentato omicidio un 21enne, ingadato anche il padre

La prima ricostruzione

Secondo una prima ricostruzione dell'accaduto, un'auto si sarebbe affiancata alla vettura dove si trovavano i due ragazzi e sarebbero stati esplosi diversi colpi d'arma da fuoco - almeno otto secondo gli investigatori - che hanno raggiunto il 23enne alla guida, già noto alle forze dell'ordine, e accidentalmente anche la fidanzata.

Il ragazzo, trasportato al vicino ospedale San Paolo, è stato sottoposto ad intervento chirurgico per tentare di salvargli la vita dopo il ferimento all'addome: il giovane ora è ricoverato in rianimazione. 

Brindisi, giovane ferito durante un agguato in pizzeria per gelosia: due arresti

Secondo gli investigarori il giovane sarebbe vicino al clan Strisciuglio. Non è escluso al momento, quindi, che l'agguato sia legato a un regolamento di conti interno alla criminalità organizzata del quartiere San Paolo.

L’utilitaria crivellata di colpi è stata sottoposta a sequestro dai carabinieri che, con i militari della scientifica, hanno repertato almeno 7 bossoli e sei fori sullo sportello del lato guidatore dell'auto, quello dove era seduto il 23enne. Uno di quei proiettili ha colpito Cassano, recidendogli l'arteria femorale, mentre un altro ha ferito la 15enne ad una caviglia.

Per ore i carabinieri, coordinati dalla pm Bruna Manganelli, hanno eseguito rilievi e stub, acquisito informazioni dai pochi testimoni, alcuni dei quali hanno confermato di aver sentito gli spari ma di non aver visto null'altro. Gli investigatori hanno inoltre estrapolato le immagini delle telecamere di osorveglianza della zona, che potrebbero aiutare a ricostruire i fatti, a individuare l'auto dei sicari, la loro via di fuga dopo l'agguato, con molta probabilità fuori dal quartiere, e quindi ad identificarli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA