Turnover nella Curia: 15 parroci lasciano tra le proteste dei fedeli

Turnover nella Curia: 15 parroci lasciano tra le proteste dei fedeli
di Elga MONTANI
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 17 Agosto 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 09:11

“Cambi di casacca” e avvicendamenti anche nella Curia barese. L’arcidiocesi di Bari-Bitonto ha comunicato le nuove nomine nei vari incarichi pastorali che interesseranno le parrocchie dei diversi comuni. Una lunga lista che ha creato anche qualche malumore tra i fedeli, soprattutto laddove il parroco era da tempo sulla zona e in molti si erano “affezionati” alla figura, oltre che in quelle realtà in cui la presenza di un determinato parroco aveva portato novità e la realizzazione di molte attività, che si teme possano fermarsi con l’avvicendamento. Al momento non ci sono ancora le date precise in cui avverranno i cambiamenti, in quanto il calendario degli avvicendamenti sarà concordato con i presbiteri coinvolti e comunicato nelle prossime settimane.

Le nuove nomine

Le nuove nomine e gli avvicendamenti nei vari incarichi pastorali sono i seguenti: don Gianni De Robertis, assume la responsabilità di amministratore della parrocchia “Natività di Nostro Signore” a Bari; don Nicola Laricchia, dalla parrocchia “Immacolata” di Modugno, passa alla parrocchia “San Nicola di Bari” ad Adelfia; don Giovanni Caporusso, da “Santa Maria del Soccorso” di Noicattaro viene nominato parroco di “Santa Maria La Porta” a Palo del Colle; don Biagio Lavarra dalla parrocchia “San Marco” a Bari viene trasferito alla “Santa Maria Veterana” di Triggiano; don Marino Cutrone, già parroco alla “San Nicola” a Toritto, viene nominato parroco della parrocchia Cattedrale “Santa Maria Assunta” a Bitonto; don Maurizio Lieggi viene nominato parroco della parrocchia “Ognissanti” a Valenzano; don Nicola Mastrandrea, passa da “Santa Maria del Carmine” a Sammichele di Bari, ad essere nominato parroco di “San Nicola” di Toritto; don Felice Iacobellis, da “San Nicola di Bari” ad Adelfia, arriva alla parrocchia “San Marco” a Bari; don Domenico Pietanza, dalla “Santa Maria Annunziata” di Cellamare, viene nominato parroco della parrocchia “Resurrezione” a Bari.

E ancora: don Paolo Candeloro, da “Sant’Andrea Apostolo” di Bitonto, viene nominato parroco della parrocchia “Immacolata” a Modugno; don Francesco Necchia, amministratore della parrocchia “Santa Maria Veterana” di Triggiano, diventa parroco della “Santa Maria del Carmine” a Sammichele di Bari; don Alessandro Decimo D’Angelo, da vicario parrocchiale di “San Nicola” a Toritto, diventa amministratore della parrocchia “Santa Maria Annunziata” di Cellamare; don Andrea Magistrale, vicario parrocchiale della parrocchia “San Michele Arcangelo” di Bitetto, diventa amministratore della parrocchia “Sant’Andrea Apostolo” a Bitonto; don Francesco Spierto, da vicario parrocchiale della parrocchia santuario “Santi Medici Cosma e Damiano” di Bitonto, viene nominato amministratore della parrocchia “Santa Caterina vergine e martire” di Bitonto; e padre Raffaele Massari viene nominato amministratore della parrocchia “Santa Maria del Soccorso” di Noicattaro.

Malumori tra i fedeli

Il passaggio di consegne che ha causato più commenti negativi è quello di don Biagio che dopo 29 anni alla parrocchia San Marco a Japigia viene spostato a Triggiano, e sostituito dall’attuale parroco di “San Nicola di Bari” di Adelfia, don Felice Iacobellis. E sono molti i parrocchiani ad esprimere il proprio rammarico. «È una notizia sconvolgente – scrive Antonietta -. La parrocchia “San Marco” era don Biagio per tutti noi. Bisogna accettare il cambiamento, seppur con rammarico». E a lei fa eco Antonio, definendo don Biagio «una colonna portante, la pietra di volta di questo quartiere». «Non posso far altro che ricordare tutto ciò che hai fatto per noi, il quartiere, il sociale, i ragazzi, le famiglie più disagiate – aggiunge -. Sei un riferimento importante che difficilmente potrà essere sostituito».

© RIPRODUZIONE RISERVATA