Salvini in crisi nei sondaggi: le 5 spine di Matteo dal nodo Regionali a Zaia

Salvini in crisi nei sondaggi: le 5 spine di Matteo dal nodo Regionali a Zaia
Salvini in crisi nei sondaggi: le 5 spine di Matteo dal nodo Regionali a Zaia
di Mario Ajello
4 Minuti di Lettura
Martedì 9 Giugno 2020, 10:31 - Ultimo aggiornamento: 18:05

I tormenti di Matteo. Ormai Salvini è assediato dai problemi e sono quattro le spine che gli fanno male. Quella delle elezioni regionali di settembre, dove i candidati forti sono di Fratelli d’Italia e non suoi (Fitto in Puglia  e Acquaroli nelle Marche), è stata la vera protagonista del vertice notturno e interlocutorio che ieri notte Salvini ha avuto con gli altro due leader del Centrodestra, Meloni e Tajani. Che nulla hanno concesso al capo della Lega il quale vuole altri nomi di candidati presidenti non solo in Puglia ma anche in Campania (non il forzista Caldoro).

LEGGI ANCHE Stati Generali, Conte cede al Pd: collegiali e a tappe. Lo sfogo: «Qualcuno ostacola l'azione del governo»

In questa prima spina, quella delle regionali, a far male a Salvini sono i sondaggi. Paiono sostenere la posizione della Meloni, che nelle Marche vede il "ribaltone" (Francesco Acquaroli è a 45 punti di gradimento contro i 40 del candidato del centrosinistra Ceriscioli) mentre in Puglia sogna il doppio colpaccio: vittoria con Raffaele Fitto e FdI primo partito. Due successi probabili insomma dell’alleata  e rivale che il capo leghista vuole evitare in tutti i modi ma non sta trovando il modo per farlo (farsi dare gran parte delle candidature a sindaco nelle 18 città importanti che il 30 settembre andranno al voto insieme alle Regionali?) anche perché Meloni e Tajani fanno fronte comune su questo. 

La seconda spina di Matteo sta nei consensi generali alla Lega, che non vanno bene. E tolgono il sonno al leader. Nel giro di tre mesi, secondo Ipsos, la Lega è passata dal 32 al 24,3%. Quasi 8 punti lasciati sul terreno, che diventano più di 10 se pensiamo alle Europee del 28 maggio 2019, quando il Carroccio raggiunse il suo massimo storico, col 34,3%, oltre 9 milioni di voti. Sondaggi che continuano a scendere in maniera inversamente proporzionale a quelli di Fratelli d’Italia, data al 16,2%, più 4 punti rispetto a febbraio, tutti tolti al Carroccio. 

La terza spina ai chiama Zaia. Nessuno scontro tra Salvini e il governatore leghista del Veneto, ma due stili diversi, due leghe diverse. E la popolarità di Zaia, che stravincerà le regionali ma come trionfo personale e non di Salvini, lo ha ormai proiettato in una visibilità nazionale da leader quasi equivalente a Salvini. Il cosiddetto Capitano ha bisogno quindi di tornare al centro della scena e di riprendere la sua narrazione. Oltretutto Salvini si è fatto paladino in questi mesi del modello Lombardia, affiancando il governatore Fontana in tutti i modi, ma quel modello ha fatto cilecca. La Lombardia poteva essere il trampolino di lancio verso la conquista di Milano e invece si sta rivelando una Caporetto, come dimostra pure l’ultima tegola caduta sulla testa del presidente Fontana, con il conflitto d’interessi sulla commessa per i camici. “Se perdiamo consensi è anche per lo sciacallaggio mediatico sulla regione”, dicono dallo staff del leader leghista.
 


Il quarto tormento di Matteo è Berlusconi. Anche in questo caso il capo leghista non ha l’intenzione né per ora la forza di scatenare uno scontro aperto. Ma tra i suoi non si fa che dire: “Forza Italia è più filo-Conte di quanto lo sia il Pd”. E infatti sul Mes il Cavaliere ha già detto che voterà a favore del governo. Per non dire della nuova pome luca che sta crescendo: riguardo alla piazza del Centrodestra del 4 luglio. Per Salvini sarà l’occasione sella spallata al governo. Per i berlusconiani sarà il rischio - come per quella del 2 giugno - di un nuovo focolaio di contagio. Meglio evitarla dicono a Forza Italia. E Berlusconi dalla Provenza fa sapere: “Più che le manifestazioni servono le soluzioni” (alla crisi economica e sociale).

Dunque le spine si Matteo sono quattro e non basterà il nuovo giro d’Italia del capo leghista, il bagno di folla da Sud a Nord con cui spera di rigenerarsi (addirittura potrebbe far tappa anche a Milano Marittima nel suo adorato ma sfortunato Papeete si proprietà di Massimo Casanova, suo amico e europarlamentare del Carroccio) per ritrovate la forma perduta e il magic moment che ha lungo gli ha sorriso. Ma Salvini è comunque un leader esperto e anche duttile quando gli serve esserlo. E così, in modo per togliersi almeno alcune delle spine e per non farsi debilitare dai tormenti lo troverà. Ma quale? 

© RIPRODUZIONE RISERVATA