Taranto, tenta di ammazzare la moglie con un paio di forbici: poi si lancia nel vuoto. Recuperata e sequestrata l'arma

Domenica 25 Luglio 2021

Tenta di ammazzare la moglie e poi si suicida lanciandosi nel vuoto. Il fatto è accaduto a Taranto poco dopo la mezzanotte. Un quarantenne, con precedenti penali, ha tentato di uccidere la moglie, di 39 anni, con un paio di forbici. L’ha colpita al mento e allo sterno, dopodiché la donna è riuscita a divincolarsi e a fuggire. Ha preso con sé i due figli minori ed è scappata per le scale del palazzo. Aprendo il portone, avrebbe notato il corpo del marito che impattava con violenza sull’asfalto.

L’uomo si é infatti lanciato dal quinto piano di uno stabile nel centro di Taranto ed è morto sul colpo. La salma è stata trasferita all’obitorio del cimitero. La donna, invece, è stata soccorsa e portata al pronto soccorso dell’ospedale Santissima Annunziata. Le sue ferite non sono gravi e nelle prossime ore dovrebbe essere dimessa. La coppia era appena tornata da un matrimonio.

Sequestrate le forbici

Sono state recuperate e sequestrate dalla Polizia le forbici usate dal 40enne. La donna, colpita al mento e allo sterno, è riuscita a divincolarsi, a svegliare i due figli minori di 13 e 6 anni e a scappare di casa, per poi essere assistita dai vicini svegliati dalle sue urla. Nel corso del sopralluogo nell'appartamento, i poliziotti hanno riscontrato la presenza di vaste tracce di sangue a testimonianza della violenza dell'aggressione. I due minori sono stati temporaneamente affidati alla sorella maggiore.

Ultimo aggiornamento: 26 Luglio, 08:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA