Parcheggiatore abusivo aggressivo, scatta il Daspo urbano

Parcheggiatore abusivo aggressivo, scatta il Daspo urbano
Scatta il Daspo urbano per un giovane tarantino con l'abitudine di perseguitare gli automobilisti pretendendo soldi per la sosta nelle zone del centro della città. Strade in cui per un anno non potrà trattenersi. Il provvedimento è stato adottato dal questore di Taranto Giuseppe Bellassai, dopo una serie di controlli e accertamenti condotti dagli agenti del commissariato Borgo.
Nel mirino è finito quel tarantino, divenuto un incubo per gli automobilisti. In più occasione l'uomo è stato fermato e controllato. E gli agenti hanno avuto modo di osservare i metodi insistenti e fastidiosi con i quali assillava gli automobilisti alla ricerca di parcheggio, nelle zone in cui la sosta è già a pagamento. Oltre a diverse sentenze passate in giudicato per furto in abitazione, il parcheggiatore abusivo è risultato gravato da precedenti di Polizia e destinatario di un foglio di via da Grottaglie. Nei primi sei mesi dell'anno, inoltre, è stato sanzionato per tre volte con altrettanti ordini di allontanamento dal centro.
Multe e provvedimenti che ha puntualmente disatteso. Ecco quindi, che alla fine per lui è scattato il Daspo urbano. Per un anno non potrà trattenersi nelle sone centrali della città. come piazza Archita, corso Umberto, piazza Ebalia e corso Due mari.  "Provvedimenti come il Daspo urbano – ha sottolineato il Questore Giuseppe Bellassai – sono uno strumento utile per ricondurre i rapporti tra i cittadini nell’alveo della civile convivenza, incidendo su quelle condotte contra legem che finiscono per soffocare quotidianamente le libertà dei singoli e ridurre, per naturale conseguenza, la percezione di sicurezza da parte dei cittadini".
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Venerdì 14 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento: 15-06-2019 08:33