Paltrinieri nel mare di Taranto a tutela dell'ambiente

Paltrinieri nel mare di Taranto a tutela dell'ambiente
3 Minuti di Lettura
Martedì 31 Maggio 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 09:14

Un mito del nuoto in mare per difendere anche Taranto. Gregorio Paltrinieri è uno dei più grandi campioni nella storia del nuoto: 27 anni, emiliano di Carpi, è un fuoriclasse nello stile libero, detentore del record europeo in vasca lunga e in vasca corta degli 800 m stile libero. Ha conquistato la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016 nei 1500. Ora vuole giocare la gara dell’ambeinte perché il nuoto, il mare, il fondo e la cura dell’ambiente sono le passioni di “Greg” che le ha racchiuse in “Dominate the Water”, un circuito di gare di nuoto per agonisti, master e professionisti in acque libere.

Il progetto

L’iniziativa è stata presentata ieri a Roma alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna a Roma, ideata e promossa dal campione olimpico per la tutela del mare. Da Lignano Sabbiadoro a Positano, passando appunto per Taranto - dove l’evento ariverà il 10 e l’11 settembre - e infine Stintino in Sardegna: 4 tappe e 3 format di gara: la 3km Fin/Open, la staffetta 4x750m e il miglio. «Ho scelto il mare per respirare questa libertà e nuotando, ho capito che dobbiamo proteggerlo - ha spiegato Paltrinieri -. Così “Dominate the Water” nasce da una volontà di salvaguardia dell’ambiente, promuovendo il nuoto in acque libere che in Italia è ancora poco praticato. Per la natura, la sua bellezza e la nostra salute, il pianeta va salvato e da sportivo non ho paura d’espormi. Così non vedo l’ora di ripartire».

Per sensibilizzare l’opinione pubblica in merito alla sostenibilità ambientale, infatti, ci saranno pacchi gara realizzati dal riciclo della plastica o con materiale di recupero, bicchieri biodegradabili ai rifornimenti, pass e prodotti ecosostenibili, premi e medaglie costruiti in legno, canoe e sup al posto delle barche a motore. «Ne siamo molto orgogliosi, perché condividiamo pienamente il suo messaggio di sostenibilità ambientale e di sensibilizzazione dell’opinione pubblica riquardo alla protezione dell’oceano», afferma il Deputy Ceo di Arena, Giuseppe Musciacchio. Sarà invece Pcup, la startup ideatrice del bicchiere in silicone a rifornire atleti e spettatori di Dominate the Water. 
Il suo Ceo Fonder, Lorenzo Pisoni, sottolinea che «nuotando ho imparato la disciplina, la determinazione, la cura per il dettaglio e la resilienza che ogni giorno metto in campo nel portare avanti la nostra startup. Grazie ai nostri bicchieri connessi con tecnologia l0T e all’eccezionale birra de La Orange, i partecipanti agli eventi saranno protagonisti di una pratica di riuso per non sprecare bicchieri usa e getta e per scoprire nuovi modi di interagire con gli altri e con l’organizzazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA