Incidente sul lavoro a Massafra: muore a 55 anni schiacciato dal trattore

Incidente sul lavoro a Massafra: muore a 55 anni schiacciato dal trattore
3 Minuti di Lettura
Giovedì 25 Agosto 2022, 09:49 - Ultimo aggiornamento: 26 Agosto, 20:42

Incidente mortale sul lavoro questa mattina a Massafra, presso l'azienda Ludovico. Un uomo di 55 anni, Giuseppe De Marinis (residente a Massafra e regolarmente assunto presso l'azienda come bracciante agricolo), è rimasto schiacciato dal trattore. È accaduto poco dopo le 7. 

L’uomo stava effettuando alcuni lavori di aratura; era ai comandi di un trattore che, per cause in fase di accertamento, si è ribaltato schiacciandolo. A nulla sono serviti i soccorsi prestati dal 118. 

Le indagini dei carabinieri

L’azienda agricola Ludovico si trova tra Massafra e Palagiano. La vittima è di Massafra. Al momento non è stato reso noto il nome. Sul posto i carabinieri della Compagnia di Massafra, guidati da capitano Quintino Russo, gli ispettori dello Spesal e il magistrato di turno.

Romano: «Legalità e sicurezza tra le priorità del prossimo governo»

«Apprendo con sgomento dell'ennesimo infortunio mortale sul lavoro, che questa volta ha riguardato un operaio schiacciato nelle campagne tarantine, tra Massafra e Palagiano. Nel corso di questa legislatura, grazie anche all'azione del MoVimento 5 Stelle, molto è stato fatto sul fronte del potenziamento e dell'efficientamento dell'azione di controllo, ma ancora molto c'è da fare, soprattutto sul corretto approccio alla cultura della prevenzione, per consentire di rendere davvero prossimo allo zero il rischio infortuni negli ambienti di lavoro». Lo dichiara il vicepresidente della commissione d'inchiesta sulle condizioni di lavoro in Italia e la sicurezza, Iunio Valerio Romano (M5S), candidato in Puglia nel listino plurinominale alla Camera. «Nell'esprimere vicinanza ai familiari dell'operaio deceduto, auspico vivamente che il nuovo Governo possa mettere in agenda, tra le priorità della propria azione, la diffusione della cultura della legalità e della sicurezza nei luoghi di lavoro», conclude.

© RIPRODUZIONE RISERVATA